Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio)
ZURIGO
20.12.20 - 17:070

Dalla cella anti-sbornia all'obitorio

Un 43enne è morto in ospedale dopo che le sue condizioni erano peggiorate in prigione.

L'uomo era stato rinchiuso venerdì dopo che aveva danneggiato diversi veicoli in evidente stato d'ebbrezza.

ZURIGO - Un 43enne è morto ieri pomeriggio in un ospedale zurighese, dopo essere stato posto in una delle celle che la polizia ha a disposizione per far smaltire, a persone violente con se stesse o con gli altri, gli effetti di alcol o droga.

Stando a quanto indicano oggi le forze dell'ordine cittadine, l'uomo è stato segnalato venerdì intorno alle 17.00 mentre danneggiava diversi veicoli parcheggiati in una strada non lontana dalla stazione centrale del capoluogo. Sul posto sono arrivati gli agenti, che si sono trovati di fronte il 43enne, in evidente stato alterato.

L'uomo è stato quindi portato negli appositi spazi "anti-sbornia" (il nome ufficiale è Zürcher Ausnüchterungs- und Betreuungsstelle, ZAB), dove stando alla polizia è stato costantemente tenuto sotto controllo medico. Nella tarda serata il suo stato di salute è però improvvisamente peggiorato: è stato chiamato un medico per rianimarlo e si è reso quindi necessario il ricovero in ospedale. Ieri pomeriggio è intervenuto il decesso.

Spetterà ora all'istituto di medicina legale stabilire le cause della morte. La magistratura ha aperto un incarto sul caso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
1 min
Un giovane ubriaco provoca la polizia
È stato fermato la scorsa notte a San Gallo. Aveva un tasso alcolemico dell'1,9 per mille
SVIZZERA
27 min
Le parole di Berset dividono la popolazione
«Conosciamo troppo poco le conseguenze a lungo termine» ricorda Edith Leibundgut.
GINEVRA
9 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
11 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
13 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
14 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
17 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
18 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
18 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
20 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile