Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio)
ZURIGO
20.12.20 - 17:070

Dalla cella anti-sbornia all'obitorio

Un 43enne è morto in ospedale dopo che le sue condizioni erano peggiorate in prigione.

L'uomo era stato rinchiuso venerdì dopo che aveva danneggiato diversi veicoli in evidente stato d'ebbrezza.

ZURIGO - Un 43enne è morto ieri pomeriggio in un ospedale zurighese, dopo essere stato posto in una delle celle che la polizia ha a disposizione per far smaltire, a persone violente con se stesse o con gli altri, gli effetti di alcol o droga.

Stando a quanto indicano oggi le forze dell'ordine cittadine, l'uomo è stato segnalato venerdì intorno alle 17.00 mentre danneggiava diversi veicoli parcheggiati in una strada non lontana dalla stazione centrale del capoluogo. Sul posto sono arrivati gli agenti, che si sono trovati di fronte il 43enne, in evidente stato alterato.

L'uomo è stato quindi portato negli appositi spazi "anti-sbornia" (il nome ufficiale è Zürcher Ausnüchterungs- und Betreuungsstelle, ZAB), dove stando alla polizia è stato costantemente tenuto sotto controllo medico. Nella tarda serata il suo stato di salute è però improvvisamente peggiorato: è stato chiamato un medico per rianimarlo e si è reso quindi necessario il ricovero in ospedale. Ieri pomeriggio è intervenuto il decesso.

Spetterà ora all'istituto di medicina legale stabilire le cause della morte. La magistratura ha aperto un incarto sul caso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
6 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
8 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
8 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
9 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
13 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
13 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
15 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
17 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
18 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile