Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.12.20 - 14:340
Aggiornamento : 15:36

Le prime vaccinazioni già a fine dicembre

Saranno destinate alle persone più vulnerabili. A livello nazionale si partirà invece il 4 gennaio

La prima fornitura comprende circa 100'000 dosi. Seguiranno altre forniture più voluminose

BERNA - La Svizzera potrà iniziare a vaccinare in modo mirato le persone vulnerabili già prima della fine dell'anno. Poi, a partire dal 4 gennaio, in tutto il Paese inizierà la vaccinazione dei gruppi a rischio e di altri gruppi prioritari, ha indicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in una conferenza stampa a Berna.

Il vaccino antiCovid-19 di Pfizer-BioNTech è adatto per gli adulti a partire dai 16 anni, sottolinea l'UFSP in un comunicato diramato all'inizio della conferenza stampa, rifacendosi all'omologazione decisa oggi dall'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici (Swissmedic).

Prime dosi - Le prime dosi di vaccino saranno fornite alla Svizzera nei prossimi giorni, immagazzinate presso la Farmacia dell'esercito e infine distribuite ai Cantoni. I Cantoni potranno poi conservare il vaccino al massimo per 5 giorni a 2-8 gradi (in frigorifero). Sempre i Cantoni potranno poi iniziare con la vaccinazione delle persone particolarmente a rischio in alcuni contesti selezionati e seguiti, scrive l'UFSP.

Il vaccino di Pfizer-BioNTech sarà consegnato in Svizzera in modo scaglionato: la prima fornitura comprende circa 100'000 dosi. Seguiranno altre forniture più voluminose. In totale, la Confederazione ha ordinato da Pfizer-BioNTech circa 3 milioni di dosi.

Le raccomandazioni di vaccinazione dettagliatedell'UFSP e della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) saranno pubblicate nei prossimi giorni.

Priorità - La strategia nazionale di vaccinazione prevede che siano vaccinate prioritariamente le persone particolarmente a rischio, ossia gli anziani e le persone con una malattia preesistente.

Come seconda priorità potrà farsi vaccinare il personale sanitario e come terza priorità lo potranno fare le persone che convivono con persone particolarmente a rischio. Come quarta priorità, seguiranno le persone residenti in strutture collettive con un elevato rischio di infezione e di focolaio (p. es. gli istituti per persone disabili) e il personale che vi lavora. Per ogni persona saranno necessarie due vaccinazioni, a distanza di circa tre settimane l’una dall’altra.

Tutte le altre persone adulte potranno farsi vaccinare non appena si disporrà di sufficienti dosi di vaccino. I bambini e le donne incinte non rientrano ancora tra i gruppi target della strategia di vaccinazione poiché mancano tuttora i dati degli studi per questi gruppi.
Non vi è alcun obbligo di vaccinazione. La vaccinazione anti-COVID-19 sarà gratuita per la popolazione.

Altri vaccini - Finora la Confederazione ha concluso contratti per un totale di circa 15 milioni di dosi di vaccino: oltre che con Pfizer/BioNTech per 3 milioni di dosi, anche con Moderna per 4,5 milioni e con AstraZeneca per fino a 5,3 milioni. Per i vaccini di Moderna e AstraZeneca è in corso la procedura di omologazione presso Swissmedic. Il vaccino di AstraZeneca sarà disponibile probabilmente non prima di metà anno. La Svizzera partecipa inoltre all’iniziativa internazionale COVAX, volta a permettere l’accesso ai vaccini anche ai Paesi economicamente più deboli. 

Esercito pronto - «Noi, l'esercito, siamo pronti», ha dichiarato davanti alla stampa Dan Aeschbach, capo della Farmacia dell'esercito. «I preparativi di tipo tecnico e infrastrutturale sono completati. L'addestramento del personale dell'esercito è stato completato con successo e le forze armate sosterranno i Cantoni nella formazione del personale». Gli standard di sicurezza durante il trasporto saranno sempre garantiti, ha assicurato Aeschbach: «I magazzini sono preparati in modo da poter accogliere grandi quantità di dosi di vaccino in tutte e tre le categorie di temperatura».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
3 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
4 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
6 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
10 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
11 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
13 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
15 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
15 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
17 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile