Keystone
BERNA
19.12.20 - 12:260

«Il vaccino è una buona notizia, ma non risolve tutti i problemi»

Berset si felicita per l'approvazione, ma ricorda che bisognerà a continuare a rispettare le regole «per molto tempo».

BERNA - È con un misto di soddisfazione e realismo che il "ministro" della Sanità, Alain Berset, commenta in un video (realizzato solo in tedesco e francese) l'annuncio dell'approvazione da parte di Swissmedic del primo vaccino in Svizzera contro il Covid-19, quello di Pfizer/BioNTech. 

«Può essere utilizzato e questa è un'ottima notizia», dichiara il consigliere federale. «Il vaccino è efficace, sicuro ed è stato testato rigorosamente quanto qualsiasi altro vaccino che arrivi sul nostro mercato», assicura. E precisa: «Ciò significa che, nei prossimi giorni, partiremo con le vaccinazioni. Ad avere la massima priorità saranno le persone particolarmente a rischio: quelle più anziane e coloro che presentano patologie pregresse».

Oltre a ricordare che la vaccinazione «non è obbligatoria, ma fortemente raccomandata e, soprattutto, gratuita», il capo del Dipartimento federale dell'Interno sottolinea: «Questo vaccino è importante per noi tutti per poter pensare all'uscita dalla crisi. Tuttavia, il vaccino non risolve tutti i problemi perché sappiamo che ci vorrà ancora molto tempo per arrivare ad avere abbastanza persone vaccinate per arrestare l'epidemia».

Fino ad allora, conclude, «dovremo contare sulle nostre forze per lottare contro questo virus con delle regole che sono ben note e molto semplici: lavarsi le mani, tenere la distanza, indossare la mascherina e ridurre il più possibile i contatti».     

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 2 mesi fa su tio
Qualcosa bisogna pure fare, altrimenti andiamo avanti così, aprendo e chiudendo tutto e sperando che non colpisca noi mortalmente. In tante nazioni lo stanno già iniettando. Qualcuno che avrà dei problemi ci sarà di sicuro. C'è gente che ha anche problemi prendendo solamente una Defalgan.
Luca 68 2 mesi fa su tio
arriva troppo presto, si poteva aspettare un po' e vedere cosa succede nei paesi che hanno già cominciato, io di certo per adesso non lo faccio,
pillola rossa 2 mesi fa su tio
Gesù Vaccino tarocco
Volpino. 2 mesi fa su tio
Nei vaccini Pfizer e Moderna va ricordato che questi due funzionano con un RNA messaggero, ovvero il materiale genetico che contiene le istruzioni per la sintesi di nuove proteine. Di norma l'mRNA trasporta le informazioni genetiche codificate dal DNA del nucleo della cellula fino al citoplasma cellulare, dove queste istruzioni sono utilizzate per mettere assieme i mattoncini costituenti le proteine, gli amminoacidi. In alternativa a questi due vaccini vi è il vaccino cinese Coronavac che si basa su una versione inattiva del virus ed è dunque più "naturale" per rispetto ai suoi concorrenti. Meglio iniettarsi un sero che una tecnologia che va modificare le proteine.
LucaAstro 2 mesi fa su tio
Hai proprio rotto! Mi auguro che alle prossime elezioni cambino i vertici del governo in modo che quando verranno eletti questi signori, si cambi e si abbia gente seria nella stanza dei bottoni! Fate schifo 🤮! Al posto di chiudere tutto (i soldi ci sono) e aiutare chi ne ha bisogno, lasciate morire i nostri cari! Siete proprio delle 💩
Volpino. 2 mesi fa su tio
@LucaAstro Beh, io la vedo così: visto che i "borghesi", incl. quelli che hanno cambiato etichetta (ma in sostanza sono i soliti) si sono messi insieme contro un inasprimento delle misure e, qualora la loro richiesta non fosse stata accolta probabilmente avrebbero domandato le dimissioni di Berset e Sommaruga, a questo punto non restava che un lockdown light. A mio parere, strettamente personale, si ha puntato sulla ricerca di nuovi grandi sponsor nell'economia per la nuova etichetta in quanto fino a ottobre 2023 le poltrone sono già garantite e il largo sostegno nella popolazione attualmente non influisce sulla loro permanenza in parlamento.
Nano10 2 mesi fa su tio
Questo pagliaccio 🤡 tutte le volte che c’è una buona notizia si diverte dare notizie negative e fare terrorismo mediatico😡
lecchino 2 mesi fa su tio
I problemi li avremo risolti quando cve ne sarete andati
Luca 68 2 mesi fa su tio
berse lo sai cosa si devi fare per risolvere almeno fino quando si inizia vaccinare, non fare finta, le misure prese non sono sufficienti, chiudere tutto per un mese e riaprire con i dovuti modi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
43 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile