Keystone
BERNA
19.12.20 - 09:230

Coronavirus: 2021 sempre in perdita per le FFS

Le ferrovie prevedono 3-4 anni per tornare ai livelli pre Covid. Promettono però di evitare rincari e licenziamenti.

BERNA - Le FFS prevedono un deficit di «centinaia di milioni di franchi» per il 2021. Un risultato comunque meno pesante rispetto all'esercizio in corso, ha indicato il direttore generale Vincent Ducrot. Malgrado le cifre rosse, il prezzo dei biglietti non sarà aumentato e, grazie alle fluttuazioni naturali nell'organico, non si prevedono licenziamenti.

Quest'anno l'ex regia federale stima le perdite in «600 milioni di franchi», ha riferito il 58enne friburghese in un'intervista pubblicata oggi dai titoli del gruppo CH Media, aggiungendo che la crisi legata al nuovo coronavirus costerà alle FFS «circa due miliardi di franchi». Ci vorranno tre o quattro anni prima che l'azienda torni ai livelli precedenti la pandemia.

Ducrot promette di non trasferire le perdite sui prezzi dei biglietti: «Sarebbe inopportuno. Le FFS devono soprattutto rendere più efficiente l'esercizio ferroviario e continuare a ridurre i costi», ha affermato.

Il Ceo rifiuta anche l'opzione di licenziamenti, aggiungendo che «abbiamo abbastanza fluttuazioni (tra i dipendenti) per tagliare posti di lavoro dove necessario». Le FFS stanno aumentando il personale nel settore operativo, ma rallentando l'espansione di quello nell'amministrazione, ha aggiunto.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
13 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
54 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
1 ora
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
5 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
11 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
18 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
19 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile