keystone (archivio)
ZURIGO
17.12.20 - 23:590
Aggiornamento : 18.12.20 - 08:37

Ecco perché i giovani non sono inclusi nel piano di vaccinazione

Anziani e malati dovrebbero prima essere i primi a ricevere il vaccino.

Ecco le risposte alle domande più frequenti sulle procedure che verranno messe in pratica per proteggere la popolazione dal Coronavirus

Fonte Fee Anabelle Riebeling/20Minuten
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFP) hanno definito la loro strategia per la vaccinazione contro il Coronavirus. I pazienti a rischio - persone anziane e con malattie pregresse - saranno probabilmente i primi ad essere vaccinati, a partire da gennaio. Bambini e giovani, invece, non sono stati ancora menzionati.

Qui di seguito alcune risposte alle domande più frequenti:

Perché i bambini e gli adolescenti sono esclusi dal piano di vaccinazione?
I bambini non saranno vaccinati inizialmente. Ci sono troppe incognite per loro, come ha spiegato Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'UFSP. Stando a Rolf Hömke dell'Association of Researcher Drug Manufacturers: «I vaccini sono stati testati solo sugli adulti». Pertanto, «solo quando i risultati sugli adulti saranno assolutamente positivi, si inizieranno i test sui i minori».

Quante dosi di vaccino si è assicurata la Svizzera fino ad oggi?
Nell'estate del 2020, la Svizzera ha firmato un contratto con il produttore di vaccini Moderna per 4,5 milioni di dosi. Grazie agli sforzi internazionali dell'UE (attraverso la Svezia), ha accesso anche al vaccino Astra Zeneca. Qui il numero di dosi ammonta fino a 5,3 milioni. La Confederazione partecipa anche all'iniziativa internazionale Covax per la fornitura di vaccini che coprono fino al 20% della popolazione svizzera. Secondo la portavoce UFSP, Masha Maria Foursova, i negoziati con Biontech/Pfizer per circa 3 milioni di dosi di vaccino sono in una fase avanzata.

Come funzionano i potenziali vaccini?
Come tutti gli altri vaccini, quindi sul principio di base che parti del nuovo coronavirus - i cosiddetti antigeni - vengano presentate al sistema immunitario umano in modo che il corpo possa sviluppare l'immunità al patogeno. Ci sono tre diversi approcci a questo: vaccini inattivati con proteine virali, vaccini vivi con virus vettori e vaccini a mRNA.

Quanto tempo occorre perché siano efficaci?
Come i vaccini di Moderna e AstraZeneca, anche il preparato Pfizer/Biontech deve essere somministrato in due dosi (30 milligrammi ciascuna). La piattaforma informativa Infovac.ch segnala che l'intervallo tra le dosi deve essere di almeno 40 giorni. Una settimana dopo la seconda vaccinazione, dovrebbe arrivare l'effetto protettivo, stando a Biontech. Non è ancora noto se e quanto bene il vaccino protegga in anticipo. Sarà quindi importante che le persone particolarmente vulnerabili si proteggano con attenzione dopo la prima somministrazione.

Quanto dura la protezione del vaccino?
Anche questo, al momento, non si può dire con certezza. Nel complesso, sia l'effetto protettivo che gli eventuali effetti collaterali dovrebbero essere osservabili per un periodo di due anni, hanno spiegato i produttori. Tuttavia, «ci vorranno mesi, se non un anno o più, prima di poter davvero dare un giudizio definitivo», ha spiegato il virologo Oliver Keppler dell'Università Ludwig Maximilians di Monaco. Ad esempio, per il capo di Biontech, Uğur Şahin, l'effetto di immunizzazione potrebbe essere di un anno, come scrive FR.de.

Quali effetti collaterali possono esserci?
Anche qui non ci sono risposte sicure. Per averle, bisogna attendere i risultati degli studi di fase III. Ad oggi, i produttori dei tre vaccini più promettenti non hanno menzionato alcun effetto negativo grave. Sono, anzi, descritti come ben tollerati. Finora si sono verificati solo effetti collaterali da lievi a moderati, e che si verificano anche con vaccinazioni note: arrossamento e dolore nel punto in cui si effettua l'iniezione, dolori articolari o muscolari e febbre. Sono elencati anche brividi, stanchezza e spossatezza. Gli effetti, tuttavia, sarebbero tutti di breve durata.

Per un gruppo di popolazione, tuttavia, l' agenzia di regolamentazione dei farmaci del Regno Unito MHRA ha emesso avvertimenti sul vaccino Pfizer/Biontech: «Le persone con una storia di shock anafilattico da vaccinazioni, farmaci o cibo, non dovrebbero ricevere il vaccino. La seconda dose non deve essere somministrata a chi ha sviluppato anafilassi dopo aver ricevuto la prima dose», ha affermato June Raine, amministratore delegato di MHRA. Tale shock allergico, che di solito è accompagnato da un calo della pressione sanguigna, collasso, perdita di coscienza e shock, è la reazione più grave e può essere fatale in determinate circostanze.

La Svizzera prevede una vaccinazione obbligatoria?
No. Il Consiglio federale respinge chiaramente l'idea di una vaccinazione obbligatoria per la Svizzera. Anche l'UFSP non prevede vaccinazioni obbligatorie in relazione al Sars-CoV-2 per l'intera popolazione, stando alla portavoce Masha Maria Foursova. L'intento è invece quello di «informare la popolazione in modo completo e trasparente sulla vaccinazione Covid 19». In questo modo, gli svizzeri potranno prendere autonomamente una decisione.

Dal punto di vista di Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (EKIF), una vaccinazione obbligatoria semplicemente non ha senso: «L'obiettivo principale è vaccinare i pazienti ad alto rischio, i loro contatti e il personale sanitario» al fine di prevenire malattie gravi, salvare vite umane e mantenere sano il sistema sanitario.

Inoltre, secondo l'avvocato Franziska Sprecher dell'Università di Berna, una vaccinazione obbligatoria non sarebbe legalmente applicabile in Svizzera, almeno non per la popolazione generale, ma solo selettivamente «per gruppi specifici come persone che hanno a che fare con gruppi vulnerabili, in particolare gli operatori sanitari».

L'immunità di gregge può essere ottenuta con la vaccinazione volontaria?
L'Ekif: «Per ottenere l'immunità di gregge, teoricamente, dovrebbe essere vaccinato almeno il 60-70 per cento della popolazione», sostiene Berger. «Questo è vero solo per un vaccino ideale, cioè che offre una copertura per molto tempo». In caso contrario, la copertura vaccinale dovrebbe essere più alta, possibilmente attorno a circa l'80% della popolazione.

Quali svantaggi incontreranno le persone non vaccinate?
Una cosa è certa: se l'immunità di gregge non sarà raggiunta, ci si potrà ancora ammalare. Nel settore ospedaliero o assistenziale, il rifiuto di ricevere la vaccinazione, però, potrebbe avere conseguenze gravi. L'unica soluzione, in questi casi, potrebbe essere trasferire chi rifiuta il vaccino in modo che non metta in pericolo sé stesso o gli altri.

Chi sostiene i costi della vaccinazione?
La vaccinazione contro il Covid-19 sarà gratuita per la popolazione, così ha annunciato l'UFSP.

I vaccini sono stati sviluppati a velocità record: sono sicuri?
A prima vista può sembrare che lo sviluppo sia stato estremamente veloce. Ma scienziati di tutto il mondo hanno condotto ricerche sul coronavirus già dall'epidemia di Sars nel 2003/04 e dall'epidemia di Mers nel 2012, come spiega Christine Dahlke, biologa del Centro medico universitario di Amburgo-Eppendorf ed esperta di vaccini nel programma ZDF "Markus Lanz". «Conosciamo i coronavirus e le loro proteine spike da molto tempo». L'epidemia di Ebola del 2014/15 ha dimostrato che era importante sviluppare tecnologie per poter reagire rapidamente a ulteriori focolai. Di conseguenza, la ricerca sui vaccini è stata portata avanti negli ultimi anni, anche se lontana dalle luci della ribalta. Quando la sequenza del virus Sars-CoV-2 è stata pubblicata, sono iniziati subito i lavori.

Perché la Svizzera partirà più tardi della Gran Bretagna e dell'UE con le vaccinazioni?
«I dati che abbiamo sulla sicurezza del vaccino non sono ancora abbastanza conclusivi per consentire l'approvazione in Svizzera di un medicamento contro il Covid-19», ha sottolineato il portavoce di Swissmedic, Lucas Jaggi, a 20 Minuten. Inoltre, «secondo l'attuale legge Covid-19 in Svizzera, a differenza di Gran Bretagna o Stati Uniti, non vi è alcuna immissione anticipata sul mercato dei vaccini durante l'elaborazione di una richiesta di approvazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
52 min
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
FOTO E VIDEO
BERNA
58 min
No-vax violenti: avevano coltelli e cacciaviti, 13 persone fermate
Molti di loro erano già noti alle forze dell'ordine per analoghe manifestazioni di proteste
BERNA
2 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
SONDAGGIO TAMEDIA
3 ore
Tutti alle urne: come avete votato?
Domenica saremo chiamati a esprimerci sul Matrimonio per tutti e sull'Iniziativa 99%. Partecipate al nostro sondaggio
FOTO
LUCERNA
11 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
12 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
13 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
14 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
15 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
16 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile