Keystone - foto d'archivio
BERNA
16.12.20 - 16:160
Aggiornamento : 16:38

Inselspital in allarme: «Mortalità raddoppiata rispetto a primavera»

Normalmente un'infermiera si occupa di un paziente nel reparto di terapia intensiva. Attualmente il rapporto arriva 1:4

BERNA - A causa dell'epidemia di Covid-19 il 90% delle capacità del reparto di terapia intensiva dell'Inselspital di Berna è occupato. I medici e il personale infermieristico guardano con grande preoccupazione all'aumento delle cifre relative all'infezione da SARS-CoV-2.

Al momento la situazione è ancora gestibile, ma è fragile, dice all'agenzia di stampa Keystone-ATS Stephan Jakob, primario di medicina intensiva dell'Insel Group, durante un briefing con i media. Se all'aumento dei casi di coronavirus adesso si aggiungessero anche gli incidenti sportivi la gestione dell'afflusso sarebbe molto difficile. Il 70% dei ricoveri sono emergenze e tra queste ci sono già i primi incidenti sciistici, ha aggiunto.

L'Ospedale universitario di Berna - ricorda Jakob - ha un vasto bacino di utenza: i pazienti arrivano anche dai vicini cantoni di Friburgo, Soletta, Neuchâtel e dall'Alto Vallese.

Anche il personale infermieristico è al limite. Normalmente, un'infermiera si occupa di un solo paziente nel reparto di terapia intensiva. Attualmente il rapporto ora arriva fino a 1:4, nel senso che una sola persona deve occuparsi di quattro pazienti gravemente malati.

È vero che il personale infermieristico è aiutato, ma si tratta di assistenza che deve essere formata e controllata «e anche questo è un grosso peso», sottolinea Jakob. I medici specialisti, dal canto loro, lavorano in due turni di 13,5 ore al giorno; e lo fanno già da tre-quattro mesi.

«Ogni paziente in più mette ulteriormente sotto pressione il sistema», nota il primario. «Oggi abbiamo il doppio della mortalità rispetto alla primavera nei pazienti colpiti da Covid-19». Le cause sono molteplici «ma non possiamo escludere che la qualità delle cure sia peggiore perché c'è meno personale preparato a disposizione dei pazienti».

Il personale ha un buon spirito di squadra, ma comincia a logorarsi, nota Petra Fuchs, capo infermiera al pronto soccorso. Manca ben il 15% degli effettivi, per malattia, quarantena o altri motivi. Non ci sono più riserve per la rotazione del personale e a Natale e Capodanno, quando la maggior parte degli studi medici chiude, l'afflusso al pronto soccorso è particolarmente forte. «Abbiamo un obbligo di ammissione e non possiamo respingere nessuno», precisa.

Se le cifre relative all'infezione continueranno a crescere si ripercuoteranno in maniera persistente sui reparti di terapia intensiva, che risentono dell'aumento con un ritardo di due o tre settimane, aggiunge Stephan Jakob, secondo il quale è evidentemente necessario un «massiccio inasprimento» delle misure contro il coronavirus, come richiesto ieri dalla task force scientifica della Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
SVIZZERA
12 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
12 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
15 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
16 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
16 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
17 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
17 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
18 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
VALLESE
19 ore
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta un franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile