keystone (archivio)
ZURIGO
15.12.20 - 11:290
Aggiornamento : 14:30

Zurigo, ospedali al collasso: «Temiamo che il personale si dimetta per lo stress»

I numeri sono preoccupanti e i posti in terapia intensiva praticamente esauriti.

I responsabili delle strutture ospedaliere zurighesi si sono riuniti per fare il punto della situazione.

BERNA - Gli ospedali zurighesi sono vicini al collasso. Già sabato, nell'Ospedale universitario di Zurigo, erano solo tre i letti liberi nel reparto di terapia intensiva. Ieri, la conferma con un dato altrettanto allarmante: 535 persone ospedalizzate nel cantone più popoloso della Svizzera. Il numero più alto dall'inizio della pandemia. E poi ancora altre cifre da brivido: 41 decessi in 72 ore e 99 persone in cure intense. L'occupazione dei letti di terapia intensiva, ormai, ha raggiunto quasi il 100%. Esistono capacità di riserva, ma soltanto per casi isolati, avvertiva l'Associazione degli ospedali zurighesi (VZK).

«1% del personale in isolamento o quarantena» - Per fare il punto della situazione, oggi, si sono riuniti i rappresentanti delle strutture ospedaliere zurighesi. Gregor Zünd, CEO dell'Ospedale universitario di Zurigo (USZ), ha descritto una situazione allarmante: «Attualmente abbiamo 101 dipendenti in isolamento o in quarantena, ovvero l'1% del personale. Abbiamo dovuto chiudere le sale operatorie per aprirle ai pazienti Covid», ha spiegato sottolineando come la collaborazione tra gli ospedali al momento stia funzionando bene.

«Non siamo preparati a resistere ancora per molto» - André Zemp, direttore dell'ospedale Triemli di Zurigo, riferisce di 65 pazienti Covid nella sua struttura, 13 dei quali nel reparto di terapia intensiva. «La situazione richiede un grosso sforzo», afferma Zemp. «Abbiamo già dovuto posticipare 100 interventi - prosegue -. E non siamo preparati a resistere a una lunga maratona».

Deficit di personale - «Abbiamo iniziato la seconda ondata con una carenza del 10% di personale specializzato», ha sottolineato Zemp. Il suo timore, inoltre, è che i nostri dipendenti si dimettano perché non più in grado sopportare lo stress.

Anche il direttore dell'ospedale cantonale di Winterthur, Rolf Zehnder, snocciola dati preoccupanti: «Abbiamo 56 pazienti Covid-positivi, 11 nel reparto di terapia intensiva. Siamo preoccupati per l'evoluzione di questa seconda ondata». «Al momento abbiamo solo 4 letti per pazienti non Covid», ha specificato poi Zehnder. Anche qui si stanno chiudendo le sale operatorie e il carico di lavoro sui dipendenti, nelle ultime settimane, è notevolmente aumentato. A pesare, inoltre, è l'assenza di prospettive di miglioramento nel breve termine.

Ridurre i contatti - Secondo Zehnder, ora è particolarmente importante ridurre i contatti. Zünd ha aggiunto: «È nostro dovere rendere i politici consapevoli della drammaticità della situazione». Intanto le cifre continua a salire. «E lo faranno ancora», è convinto.

Rischi per gli sport invernali - Si pone poi il problema di chi si infortuna sciando. «Se continuano a salire i pazienti covid-positivi, sarà difficile prendersi cura degli appassionati di sport invernali feriti», sottolinea Zünd. 

Operazioni rinviate - L'USZ, intanto, sta cercando di recuperare il ritardo sulle operazioni urgenti che sono state rinviate. A Winterthur sono gli interventi del reparto di cardiochirurgia i primi ad essere stati rimandati. «Più a lungo durerà la pandemia, più aumenterà il numero di operazioni che dovranno essere posticipate», ha specificato Zehnder.

Tre persone per un malato - Secondo Gabi Brenner, responsabile del personale infermieristico all'USZ, sono necessari tre dipendenti per ogni persona infetta da Coronavirus. «Siamo in una maratona e non sappiamo quanto ancora durerà. L'incertezza sulla durata della pandemia è estremamente stressante per il nostro personale».

In caso di emergenza, comunque in ospedale - Zehnder si rivolge alla popolazione: «Le persone che hanno un'emergenza medica devono rivolgersi a noi nonostante la situazione». Zünd gli fa eco: «Abbiamo saputo che alcuni pazienti non si sono rivolti a noi e che si sono aggravati in modo preoccupante. Non deve accadere».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Giusto per commentare il blog della guerra dei letti che non si può commentare... "Stettbacher glaubt dann aber nicht, dass die Better das Problem sein werden, "limitierend wird das Personal sein"" L'importante è trovare un problema. La soluzione non è importante e va prolungata il più a lungo possibile. Si chiama carota!
pillola rossa 11 mesi fa su tio
78 percento di occupazione
egi47 11 mesi fa su tio
L'esempio da seguire è quello del Vallese che, dopo il picco riscontrato dopo l'estate è corso ai ripari chiudendo bar, ristoranti, cinema e palestre. Ora il suo R0 è di 0,76 e la curva in declino costante. In ticino come in tanti altri cantoni siamo oltre 1.
lollo68 11 mesi fa su tio
A me sembra che il Ticino abbia più posti in terapia intensiva in proporzione alla popolazione che il Canton Zurigo. Vorrei ricordarvi che quasi la metà dei morti da noi è avvenuta in casa anziani e che qualsiasi misura venga presa non serve per proteggere queste persone. Invece il personale delle case anziani dovrebbe adottare ulteriori misure per non farsi contagiare!
Nano10 11 mesi fa su tio
Un elogio a quel clown 🤡 BERSET nel decidere di non decidere classico atteggiamento del PS suo inconcludente partito alle prossime elezioni via via fo di ball lui e socialisti 🤬
Volpino. 11 mesi fa su tio
Ma così facendo la gente si annuncia in malattia per esaurimento, si licenza e va poi a lavorare presso le cliniche private.
seo56 11 mesi fa su tio
Politici irresponsabili 🤐🤐🤐🤐
Dani 11 mesi fa su tio
Svegliaaaaaaaaaaa la 3a ondata partirà già con 100 morti al giorno..... Cosa aspettate I camion visti a Bergamo!!!!
Luca 68 11 mesi fa su tio
berse è ridicolo, continua a dire facciamo attenzione, rispettare le misure, e non si vuole chiudere tutto come a marzo, aspettiamo a vedere se le misure prese funzionano, tanto la gente muore, ospedali che stanno per esplodere, non è possibile essere così cechi e continuare così, cosa si aspetta a dichiarare la situazione straordinaria e chiudere tutto, dove sono i politici quando servono? non ho parole ma rabbia e vergogna di essere svizzero.
Talos63 11 mesi fa su tio
I politici stanno facendo quanto il federalismo (tanto amato quando le cose vanno bene) permette loro di fare. Siamo noi cittadini che invece non facciamo il necessario per diminuire i contagi. Pensiamo che siano gli altri a dover fare le cose ... finiamola e prendiamoci le nostre responsabilità
LucaAstro 11 mesi fa su tio
Allucinante! La Svizzera sta mostrando il suo lato destroide peggiore! I nostri politici sono incompetenti o collusi
joe69 11 mesi fa su tio
E il consiglio federale ancora dormeeeeeeeee.... pazzesco... Ma cosa si aspetta ancora??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
6 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
8 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
9 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
9 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
11 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
12 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
13 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
13 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
14 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile