Keystone
BERNA
15.12.20 - 10:200

Dal 1° gennaio verrai rimborsato se il treno farà ritardo. Ma solo se supera un’ora

Il rimborso è del 25% del valore del biglietto. Del 50% se il ritardo supera le due ore

BERNA - Potrebbe essere una piacevole notizia per i viaggiatori. Ma in fondo non lo è. A partire dal primo gennaio se prendi un treno, o qualsiasi mezzo pubblico, e arrivi in ritardo verrai rimborsato. Fin qui la bella notizia. In realtà il ritardo che il mezzo pubblico deve accumulare per poter avviare un rimborso deve superare un’ora.

A partire da un'ora di ritardo, calcolata sull'intero percorso, si ha diritto al rimborso del 25% del prezzo del biglietto, se si superano le due ore al 50%.

In realtà i treni che superano un’ora di ritardo, o addirittura due ore, sono rarissimi in Svizzera. Sono invece molto frequenti i ritardi che oscillano tra i 5 minuti e i 30 minuti. E per questi ritardi non ci saranno rimborsi. Così ha deciso Alliance SwissPass, l’organizzazione di settore dei trasporti pubblici che riunisce 250 imprese di trasporto e 17 comunità.

Come faranno ad essere rimborsati coloro che viaggiano con un abbonamento, e quindi non comprano il biglietto su cui poi rivendicare eventualmente il rimborso per il ritardo accumulato? Alliance SwissPass ha deciso che, in caso di ritardo a partire da un'ora, agli abbonati sarà rimborsato il valore giornaliero dell'abbonamento. L'organizzazione concederà indennità anche per eventuali ritardi dei trasporti via funivia e battello, che erano invece state escluse dall'ordinanza.

Le richieste di rimborso per tutto il settore dei trasporti pubblici potranno essere presentate ai punti vendita o online all'indirizzo www.swisspass.ch/diritti-dei-viaggiatori. Le domande saranno esaminate dalle FFS. Alliance SwissPass precisa che le modalità sono state testate con successo in autunno per quattro settimane nell'ambito di un progetto pilota.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 9 mesi fa su tio
che miseria!
Tato50 9 mesi fa su tio
A sud di Chiasso, diventi milionario ;-))
LucaAstro 9 mesi fa su tio
Che ipocriti!!!! 59 minuti la prendi in quel posto...
ctu67 9 mesi fa su tio
ahahaha...un'ora di ritardo tra lugano e bellinzona...a spinta facciamo prima !!!!!
caLypso 9 mesi fa su tio
ma se pago il biglietto/abbonamento del treno ma l'80% del tempo devo stare in piedi perchè è sempre pieno ho diritto ad un rimborso? 😂 anzi, una volta che sono andato in prima classe in piedi perchè era tutto pieno ho pure preso 75fr di multa. ridicolo
tkch 9 mesi fa su tio
@caLypso No, si é spostato da A a B quindi il servizio l'ha ricevuto. Che treno usare l'ha scelto lei (magari il treno prima o dopo erano vuoti), e quindi lo stare in piedi non é materia di rimborso. Dovremmo considerare che: la linea non ammetteva treni bipiano (tra Giubiasco e Cadempino, Airolo - Biasca e Cadenazzo-locarno ancora oggi) a causa della catenaria e dei tunnel, le stazioni avevano marciapiedi corti e, per velocizzare e facilitare le operazioni 'dietro le quinte' si usano sempre piú spesso treni a composizione (e lunghezza) fissa, magari agganciandone due o tre assieme. Ma se un marciapiede é lungo 200m non si possono agganciare 3 treni da 75m assieme. Sono limitazioni tecniche, cosí come il numero di treni in determinate fasce orarie.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Un detective per Berset
La Procura federale vuole vederci chiaro sul tentativo di estorsione da parte di una donna
SVIZZERA
2 ore
Incidente aereo a St.Moritz: ex capo squadriglia assolto
La sentenza è stata emessa dal Tribunale militare 2: il comportamento dell'uomo non sarebbe stato la causa dell'accaduto
SVIZZERA
3 ore
Alla frontiera con test o certificato: le risposte ai principali dubbi
A partire da lunedì 20 settembre, al confine varrà la regola del “doppio test” per i non vaccinati e i non guariti
GINEVRA
4 ore
Il super-evasore imbarazza Mirabaud
L'americano Robert Brockman avrebbe nascosto 1 miliardo di dollari a Ginevra
BERNA
4 ore
Incidente in piscina, muore una bambina di otto anni
È successo ieri a Bienne: la piccola è stata trovata in acqua priva di sensi. Oggi in ospedale è spirata
Svizzera
4 ore
Dodicenne muore durante la lezione di ginnastica
Solo un anno fa, un altro allievo moriva nelle stesse circostanze
SVIZZERA
5 ore
Entrata in Svizzera da lunedì solo per vaccinati, testati o guariti
Per i testati sarà inoltre necessario, tra il quarto e settimo giorno di permanenza, effettuare un secondo tampone.
SVIZZERA
6 ore
Dopo il “no” alla Legge sul CO2, ecco come salveremo il clima
Entro la fine dell'anno il DATEC dovrà presentare un progetto di legge senza nuove tasse ma con più incentivi
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 2'095 contagi in ventiquattro ore
Le autorità sanitarie federali segnalano 51 ricoveri e otto decessi legati al Covid
SVIZZERA
7 ore
Lex Netflix, «un costo per i giovani»
Un'alleanza di partiti giovanili intende lanciare un referendum contro la decisione del Parlamento
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile