Archivio Keystone
SVIZZERA
14.12.20 - 17:430
Aggiornamento : 19:47

Ragazzi sull'orlo di una crisi di nervi per la pandemia: «Troppa pressione, non ce la fanno»

Il racconto di insegnanti e allievi, sempre più allo stremo: «Hanno paura di far del male a quelli a cui vogliono bene»

E, oltre alla salute mentale, a risentirne è anche il rendimento scolastico, mentre si tenta di capire se il 2021 inizierà (o meno) da casa

Fonte Bettina Zanni/20 Minuten
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Inutile negarlo, la pandemia pesa: sugli ospedali e il personale sanitario, sull'economia e sulla salute fisica e mentale. Ma anche sul futuro, così lontano, nascosto da un presente di preoccupazione.

E a soffrire di questa situazione d'emergenza sono anche quelli che, sulla carta, sarebbero meno a rischio a causa del virus. Stiamo parlando di giovani e giovanissimi, ai quali il coronavirus ha strappato la serenità quotidiana e a risentirne è pure la loro vita scolastica.

«In questo momento preferirei le lezioni a distanza»

«Alle volte mi chiedo perché devo andare a scuola a studiare ogni giorno, quando c'è gente che muore in tutto il mondo», si domanda la 18enne bernese Mia*, «non siamo mai al sicuro, anche io sono andata a lezione con alcuni sintomi (settimana scorsa avevo l'asma) e poi mangiamo tutti assieme nella stessa stanza... In questo momento preferirei fare lezione da casa».

«Anche i miei studenti più vivaci in questi giorni sono insolitamente tranquilli e apatici», racconta l'insegnante argoviese di scuole medie M.K.* a 20 Minuten, «molti di loro sono preoccupati: c'è chi teme che i genitori perdano il lavoro o che persone del loro nucleo famigliare con malattie pregresse contraggano il virus». Oltre all'umore, a sprofondare è anche la loro attenzione in classe: «In tanti soffrono anche l'arrivo di un Natale diverso, senza visite ai parenti, senza la possibilità di uscire dalla Svizzera».

«Ho paura di perdere i miei cari e a scuola vado male»

Hanna*, 15enne di Zurigo, non ce la fa proprio a studiare: «Penso spesso alla possibilità di poter perdere persone a cui voglio bene e a scuola il mio rendimento è precipitato». E non tutti i docenti aiutano: «C'è chi ci bombarda di test nell'eventualità che a inizio 2021 non si rientri a scuola e si torni a fare lezione in remoto».

Oltre a questi timori, si aggiungono quelli legati al futuro: «Si sentono ancora più sotto pressione per trovare un apprendistato, non vogliono pesare sui genitori in questo momento di crisi». E poi c'è anche chi non riesce a perdonarsi anche il minimo sbaglio: «Un mio allievo mi ha detto che non riesce a dormire la notte perché un suo amico con cui si è visto si è ammalato, ora ha paura di costringere i genitori alla quarantena e mettere a rischio così la loro possibilità di lavorare».

«Mi mancano i miei amici»

La 13enne zurighese Fiona*, per quanto si sforzi di razionalizzare, ammette: «Mi manca incontrarmi con i miei amici, il coronavirus per me è un gran peso», spiega, «capisco che dobbiamo tutti stare a casa, ma continuo a pensare di incontrarli e uscire assieme. E, a furia di ruminare, alla fine i brutti voti sono arrivati».

Secondo K. a ragazze e ragazzi mancano le normali opportunità di decomprimere e dimenticare lo stress: «Per questo anche i docenti possono fare la loro parte, meno prove scritte ed esami, più attività di dialogo e distensive. E anche le uscite didattiche all'aperto, nella natura, sono una buona idea».

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
3 ore
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
4 ore
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
SAN GALLO
7 ore
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
18 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
21 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
1 gior
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
1 gior
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
1 gior
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
1 gior
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile