Keystone
Claus Bolte.
SVIZZERA
14.12.20 - 06:560

Swissmedic sul vaccino: «Cautela, servono ulteriori informazioni»

Prima di approvare un vaccino in Svizzera, l'agenzia vuole saperne di più su tutti i possibili rischi coinvolti

In particolare si nota una carenza di dati per le fasce d'età degli adolescenti e degli over 65

BERNA - C'è bisogno di ulteriori chiarimenti prima che un vaccino contro il coronavirus possa essere autorizzato in Svizzera.

Lo ha confermato Claus Bolte, responsabile delle autorizzazioni presso Swissmedic, in un'intervista con il "SonntagsBlick". 

Secondo Swissmedic, l’autorità svizzera di omologazione e controllo dei medicamenti, mancano infatti ancora alcuni dati importanti sui vaccini contro il Covid-19, in particolare per quanto riguarda i giovani e le persone a rischio.

«Su alcuni punti sono necessari chiarimenti in materia di efficienza, qualità e sicurezza», ha sottolineato Bolte, che ha spiegato che tali dati sono particolarmente carenti per le fasce d'età dai 65 anni in su e dai 12 ai 18 anni. Inoltre, «non sappiamo ancora abbastanza su come le persone con malattie preesistenti e i pazienti a rischio reagiscano ai vaccini», ha detto il responsabile.

Tuttavia, nel corso della prossima settimana è previsto l'arrivo di una serie di dati e risultati che dovrebbero far luce sui possibili effetti collaterali, colmando alcune (se non tutte) di queste lacune.

Ma finché «non possiamo indicare chiaramente i rischi per le persone con condizioni preesistenti o per gli anziani, dovremmo astenerci dall'approvare il vaccino per questi gruppi» ha spiegato Bolte. Il che è una sorta di controsenso, visto che il piano di vaccinazione svizzero, come quello degli altri paesi, sottolinea in primis l'urgenza di vaccinare le persone a rischio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 11 mesi fa su tio
Tra quelli che "studiano" il vaccino c'è anche un ticinese. Oggi al TG ha affermato che prima di metterlo in "circolazione" ci vogliono le garanzie che non abbia controindicazioni e altre cose che dette da uno del settore mi risultano incomprensibili. Quindi meglio non vantarsi come fatto in USA e Russia d'essere i primi e causare magari un disastro peggiore. Meglio essere cauti e anche ultimi ma aver la sicurezza di un prodotto che funzioni come si deve senza creare problemi nell'immediato futuro !
Don Quijote 11 mesi fa su tio
@Tato50 Io spero che corrano in massa a iniettarselo, perché sarà meno grave e meno mediatico morire per una vaccinazione o con una vaccinazione che per influenza senza vaccinazione.
Luca 68 11 mesi fa su tio
solo se assolutamente sicuro, nel frattempo chiudere tutto e abbassare i contagi
Don Quijote 11 mesi fa su tio
L'importante è che il vaccino rimanga facoltativo e non obbligatorio o peggio, coercitivo. Diversamente sono pronto per la rivoluzione, non sono una capra, una pecora o un cane, e non voglio diventare un visone.
sabi ludwig69 11 mesi fa su tio
non ci penso neanche di farmi iniettare una cosa che non si sa ancora a che serve o che cos altro potrebbe causare....😡
MrBlack 11 mesi fa su tio
Se non verrà somministrato ai gruppi a rischio...non serve a nulla.
Nano10 11 mesi fa su tio
Ma in Svizzera c’è la volontà di volere e cercare una soluzione per debellare il virus? Considerato che tutte le altre Nazioni stanno aspettando dì potere vicinare il prima possibile la popolazione, anziché di continuare dare incertezza dicendo: calma, cautela, ecc ecc 🤔 🤬
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
51 min
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
1 ora
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
2 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
SVIZZERA
3 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
ZURIGO
4 ore
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
4 ore
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
SVIZZERA
4 ore
«È da presuntuosi credere di poter fermare la variante»
A tu per tu con Patrick Mathys dell'UFSP su Omicron in Svizzera e le misure introdotte dalla Confederazione
SVIZZERA
5 ore
«I test siano di nuovo gratuiti»
La maggioranza del Nazionale sostiene questa proposta: «È un modo per tenere sotto controllo la pandemia».
SVIZZERA
7 ore
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
8 ore
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile