keystone (archivio)
BERNA
09.12.20 - 23:510

Misure "indigeste" e i ristoratori scioperano

Il settore risente delle restrizioni dovute alla pandemia.

In vista di una ulteriore stretta, bar e ristoranti di Berna incrociano le braccia e scendono in strada per manifestare.

BERNA - Nonostante le chiusure anticipate, il distanziamento e l'uso della mascherina, il numero di positivi al coronavirus non accenna a diminuire, anzi. Per questo motivo, venerdì, il Consiglio federale annuncerà nuove misure per tutta la Svizzera. Si parla, tra l'altro, di chiudere ristoranti e bar alle 19:00.

Una stilettata al cuore, questa, per una categoria in grande difficoltà. «La chiusura alle 21 aveva già spinto le nostre attività al limite», sottolinea Diego Dahinden, portavoce del collettivo Gastrostreik a Berna. Più di 50 ristoranti del cantone si sono riuniti sotto questo nome per chiedere solidarietà per il loro settore.

Ristoranti che, questo sabato, saranno chiusi per sciopero. La scena gastronomica si riunirà per un raduno approvato sulla Bahnhofplatz a Berna. «Naturalmente, tutte le distanze e i requisiti vengono rispettati», assicura Dahinden.

Il collettivo chiede ai politici di chiudere completamente i ristoranti e di pagare un risarcimento o di «definire misure ragionevoli che consentano un lavoro dignitoso». Andare avanti come si è fatto fino ad ora non è un'opzione. «Per molti bar e ristoranti, operare in queste condizioni non ha senso».

Esistenze in pericolo - Secondo Dahinden, le regole in continua evoluzione sono problematiche per il settore della ristorazione: «Da un lato, è una grande sfida per i dipendenti, i cui orari di lavoro vengono costantemente modificati. D'all'altro è difficile anche per i datori di lavoro, che devono rivedere le disposizioni interne di volta in volta». Secondo Gastrostreik, molti ristoranti non saranno in grado di sopravvivere a lungo senza un aiuto rapido e sostenibile.

Questo è il motivo per cui le aziende chiedono, tra le altre cose, un'indennità per lavoro ridotto del 100% per salari inferiori a 4000 franchi al mese. «L'80% non garantisce il sostentamento dei nostri dipendenti», si legge in un comunicato stampa. Inoltre, vengono chieste soluzioni per gli affitti, altro problema più volte discusso. 

Anche Tobias Burkhalter, presidente di Gastro Berna, storce il naso di fronte alle paventate restrizioni: «Una chiusura alle 19:00 è completamente incomprensibile». Per questo sostiene l'iniziativa del collettivo Gastrostreik: «Le richieste sono legittime. Ma il percorso attraverso uno sciopero e una manifestazione non soddisfa le nostre aspettative».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Ristoranti, manifestazioni e sport: ecco le risposte alle domande più frequenti
Fino a che ora possono rimanere aperte le terrazze? Quali eventi è possibile seguire? Quante persone possono esserci?
SVIZZERA
6 ore
Ora gli albergatori aspettano il certificato Covid-free
HotellerieSuisse soddisfatta degli allentamenti, ma chiede l'urgente riapertura “integrale” dei ristoranti
SVIZZERA
8 ore
Chi si è già ammalato di Covid verrà vaccinato con una dose
Il Consiglio federale ha modificato le sue raccomandazioni per i preparati di Biontech/Pfizer e Moderna.
BERNA
11 ore
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
URI
11 ore
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
12 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
13 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
15 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
15 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile