keystone (archivio)
BERNA
09.12.20 - 16:020
Aggiornamento : 18:13

«Probabilmente a settembre eravamo troppo ottimisti»

Alain Berset fa autocritica. E ammette che è stato un errore consentire di nuovo i grandi eventi.

Ciò alla luce dei dati, che non accennano a migliorare. La Svizzera, infatti, è ancora a un livello troppo elevato per quanto riguarda il numero di contagi.

BERNA - È stato un "mea culpa", o meglio, l'ammissione di non aver agito nel modo più consono. Alain Berset, nel corso del programma «La Matinale» sulla RTS, ha parlato di «un errore» riferendosi agli allentamenti decisi in autunno in merito alle misure anti Covid. Dal 1° ottobre il Consiglio federale aveva nuovamente autorizzato i grandi eventi. «Probabilmente eravamo troppo ottimisti», ha ammesso il ministro della Salute.

«Record mondiale» - Accorgersi dello sbaglio e agire è stato un tutt'uno. Ma ciò è avvenuto con l'arrivo della seconda ondata. «La parte francofona della Svizzera ha raggiunto record mondiali», ha spiegato Berset, affrontando così il discorso sul numero troppo alto di contagi nella Svizzera occidentale. Le cifre sono poi calate nuovamente a novembre, ma questa diminuzione ha perso il suo slancio.

«Stagnazione dei contagi» - Da qui l'inasprimento delle misure annunciato per sabato. «Vogliamo impedirci di rimanere senza alternative e di dover chiudere di nuovo tutto. Negli ultimi giorni abbiamo assistito a una stagnazione dei contagi ad un livello ancora troppo elevato. È una situazione molto pericolosa. Non l'abbiamo mai visto accadere prima in questa pandemia. Siamo a un livello molto più alto di qualsiasi altro paese vicino e un lockdown può avere conseguenze catastrofiche».

Da sabato, ricordiamo, potrebbero essere introdotte le seguenti misure:

• Ristoranti, negozi e mercati, strutture ricreative e attività sportive devono chiudere alle 19:00 e rimanere chiusi la domenica.
• Per gli eventi privati il numero massimo di persone provenienti da due nuclei familiari è fissato a 5 a livello nazionale, ad eccezione delle celebrazioni dal 24 al 26 dicembre e il 31 dicembre dove sarebbero consentiti 10 presenti.
• Gli eventi pubblici sono vietati ad eccezione delle celebrazioni religiose e delle riunioni legislative.
• Qualsiasi attività nel campo della cultura (comprese le attività scolastiche) sono proibite.

Ulteriori misure sono imminenti se il numero di infezioni non dovesse diminuire.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Volpino. 4 mesi fa su tio
In un paese dove è successo e succede quanto segue: 1. Le mascherine durante la prima ondata venivano definite dagli esperti inutili perché non disponibili per tutti. 2. Dicevano che si può tranquillamente riabbracciare i nipotini durante la prima ondata malgrado si sapeva che anche i bambini possono trasmettere il virus (e in America ci sono centinaia di migliaia di casi). 3. Durante l'estate hanno riaperto tutto senza le necessarie precauzioni. 4. Nei Cantoni oltre Gottardo vigeva un certo menefreghismo, venivano anche in treno senza mascherine. 5. Giocavano con i numeri testando solo gente con sintomi (bisogna stimare almeno 4 volte in più i numeri ufficiali) 6. Si lasciano comandare dall'economia. 7. Vedevano la Svezia e l'immunità di greggie come esempio (attualmente con 99,9% delle terapie intensive piene). 8. La popolazione potrà vaccinarsi solo in 4 o 5 mesi. 9. Un ministro delle finanze che dice che i soldi per un secondo lockdown non ci sono più. 9. Una banca nazionale che dovrebbe avere attorno i 1000 miliardi. 10. Si continua con delle misure ultra-light che stupiscono anche i paesi confinanti. Ma insomma, neanche con 7 esaltati governatori De Luca della Campagna si mette apposto questo andazzo. Dalla seconda ondata si sta passando direttamente alla 3 ondata più devastante.
ugo202230 4 mesi fa su tio
Non ho più parole per definire Berset e compagni. Uno peggio dell’altro. A questo punto (anche se nettamente in ritardo) chiudete tutto, alla fine abbiate il coraggio di dimettervi. Ultimo suggerimento, visto che incitate vivamente la popolazione alla vaccinazione (e posso essere d’accordo), fatevi avanti per primi, vaccinatevi e documentate il vostro atto a tutta la popolazione, forse così facendo acquistereste nuovamente un poco la faccia che avete perso.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
"Da sabato, ricordiamo, potrebbero essere introdotte le seguenti misure..." Cos'è? Un lento rilascio di informazioni per rendere la pillola meno amara?
Viperus 4 mesi fa su tio
Qui è il denaro a comandare, altro c he mia colpa...
ugo202230 4 mesi fa su tio
Berset A CASA
ugo202230 4 mesi fa su tio
Borsetta, A CASA
ugo202230 4 mesi fa su tio
Yesssss
Volpino. 4 mesi fa su tio
Più che ottimisti creduloni. Con un mini-Lockdown fino al 15 di gennaio si riesce a controllare meglio l'attuale caos.
Gus 4 mesi fa su tio
Berset & Co: dimissioni subito! Hanno fallito e il dipendente che fallisce viene licenziato
ctu67 4 mesi fa su tio
bene...comunque se la capitale rimane a Berna un motivo ci sarà !!!
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Certo certo, gli unici record che abbiamo visto sono quelli dell’analfabetismo politico e dell’ingordigia farmaceutica. Ma chi se ne frega del numero dei contagi, sono per lo più persone perfettamente sane, molte delle quali nemmeno in grado di trasmettere il virus, le tracce innocue del virus prese con il tampone si amplificano milioni di volte, non sapete un tubo di niente e per correttezza scientifica andrebbe detto almeno quanta carica virale (di virus vivo) rappresenta la soglia d'inizio contagio. L'unica cosa credibile in parte, sono i decessi con covid ma nemmeno siamo sicuri se tutti sono per colpa del virus, e beh, ovviamente qua non ci sarebbe il record per intimorire ulteriormente la popolazione. Che questa sia un’influenza tosta nessuno lo nega, ci ricorda che non siamo immortali e che la salute va preservata già da giovani, almeno se volete campare quanto Matusalemme.
Luca 68 4 mesi fa su tio
misure troppo bande servono solo a innervosire le persone ma inutili per abbassare i contagi
Luca 68 4 mesi fa su tio
di fa ancora finta di non capire che per abbassare i contagi di deve chiedere tutto come a marzo
seo56 4 mesi fa su tio
Esattamente! E adesso bando alle ciance é arrivata l’ora di chiudere tutto fino all’11 gennaio
Lore61 4 mesi fa su tio
@seo56 Se sponsorizzi tu la "bomba" fallimentare che esploderà prossimamente, va bene si può fermare tutta la Nazione anche per 1 anno! Non importa se la gente muore di fame o di esaurimento fino al suicidio, l'importante è che NON muoia di covid! XD
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
URI
1 ora
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
2 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
3 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
5 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
5 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
SAN GALLO
6 ore
Ferma l'auto per un controllo, doganiere trascinato per diversi metri
Il 57enne impiegato dell'AFD ha subito gravi ferite alla testa
SVIZZERA
9 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Conferenza stampa alle 16.30
SVIZZERA
10 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile