Keystone
Nella sua auto la polizia ha fotografato copie del Corano (immagine generica)
VAUD
08.12.20 - 14:480

Allontanato dal centro perché faceva proselitismo: Mon Repos gli dà ragione

Non c'erano prove che i passanti si sentissero molestati né che si trattasse di un estremista.

LOSANNA - La polizia cantonale turgoviese ha allontanato senza una spiegazione sufficiente dal centro di Kreuzlingen un uomo che voleva parlare dell'Islam con i passanti. Lo ha stabilito il Tribunale federale, che per la seconda volta ha accettato un ricorso dell'interessato.

Il caso risale al novembre 2017. Il ricorrente e un altro uomo sono stati fermati dalla cantonale mentre si avvicinavano ai passanti e distribuivano volantini. La polizia ha anche controllato la sua auto e fotografato copie del Corano, opuscoli e CD dedicati all'Islam che erano all'interno.

Gli agenti hanno ordinato ai due uomini di stare lontani da una zona delimitata per 48 ore sostenendo che molestavano i passanti e distribuivano volantini illegali.

Primo ricorso accettato - Nel novembre 2018, Mon Repos ha accolto un primo ricorso del denunciante. I fascicoli forniti dalla polizia del canton Turgovia non contenevano alcuna indicazione che il volantinaggio fosse collegato all'azione "Lies!" ("Leggi!") o all'organizzazione estremista "Die wahre Religion" ("La vera religione"), entrambe bandite in Germania.

Il Tribunale amministrativo del canton di Turgovia ha dovuto quindi occuparsi nuovamente del caso e, per la seconda volta, ha respinto il ricorso dell'uomo contro l'espulsione dal centro città. Quest'ultimo si è nuovamente rivolto all'Alta corte.

Nella sua seconda sentenza, pubblicata oggi, il TF ha accolto le argomentazioni del ricorrente. Il semplice possesso di un CD con la scritta "Lies!", qualunque sia il suo contenuto, non è la prova di un atteggiamento estremista e quindi di una minaccia per l'ordine pubblico.

Inoltre, secondo i giudici federali, l'atteggiamento del denunciante non ha permesso alla polizia di concludere che i passanti fossero stati molestati. Come nella prima sentenza, il Tribunale federale sottolinea che l'onere della prova spetta allo Stato.

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
17 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
58 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile