Keystone
Nella sua auto la polizia ha fotografato copie del Corano (immagine generica)
VAUD
08.12.20 - 14:480

Allontanato dal centro perché faceva proselitismo: Mon Repos gli dà ragione

Non c'erano prove che i passanti si sentissero molestati né che si trattasse di un estremista.

LOSANNA - La polizia cantonale turgoviese ha allontanato senza una spiegazione sufficiente dal centro di Kreuzlingen un uomo che voleva parlare dell'Islam con i passanti. Lo ha stabilito il Tribunale federale, che per la seconda volta ha accettato un ricorso dell'interessato.

Il caso risale al novembre 2017. Il ricorrente e un altro uomo sono stati fermati dalla cantonale mentre si avvicinavano ai passanti e distribuivano volantini. La polizia ha anche controllato la sua auto e fotografato copie del Corano, opuscoli e CD dedicati all'Islam che erano all'interno.

Gli agenti hanno ordinato ai due uomini di stare lontani da una zona delimitata per 48 ore sostenendo che molestavano i passanti e distribuivano volantini illegali.

Primo ricorso accettato - Nel novembre 2018, Mon Repos ha accolto un primo ricorso del denunciante. I fascicoli forniti dalla polizia del canton Turgovia non contenevano alcuna indicazione che il volantinaggio fosse collegato all'azione "Lies!" ("Leggi!") o all'organizzazione estremista "Die wahre Religion" ("La vera religione"), entrambe bandite in Germania.

Il Tribunale amministrativo del canton di Turgovia ha dovuto quindi occuparsi nuovamente del caso e, per la seconda volta, ha respinto il ricorso dell'uomo contro l'espulsione dal centro città. Quest'ultimo si è nuovamente rivolto all'Alta corte.

Nella sua seconda sentenza, pubblicata oggi, il TF ha accolto le argomentazioni del ricorrente. Il semplice possesso di un CD con la scritta "Lies!", qualunque sia il suo contenuto, non è la prova di un atteggiamento estremista e quindi di una minaccia per l'ordine pubblico.

Inoltre, secondo i giudici federali, l'atteggiamento del denunciante non ha permesso alla polizia di concludere che i passanti fossero stati molestati. Come nella prima sentenza, il Tribunale federale sottolinea che l'onere della prova spetta allo Stato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
3 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
3 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
4 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
4 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
5 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
VALLESE
6 ore
Vuoi un vigneto in Vallese? Basta un franco
L'uva non è più redditizia e i coltivatori se ne disfano a prezzi simbolici
BASILEA
8 ore
Bus contro un muro, 9 feriti
La neve ieri pomeriggio a Basilea ha causato un grave incidente
SVIZZERA
19 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
20 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile