Archivio Keystone
SVIZZERA
03.12.20 - 00:300

Telelavoro obbligatorio? Gli imprenditori non ci stanno

Venerdì il Consiglio federale dovrebbe annunciare una stretta sui provvedimenti anti-coronavirus

Si parla anche di lavoro a distanza. Ma c'è preoccupazione per il futuro delle PMI

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

Telelavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Sono in molti coloro che nelle ultime settimane sono tornati a lavorare da casa, così come già la scorsa primavera. Per ora il telelavoro è soltanto una raccomandazione, ma la situazione potrebbe cambiare da venerdì, quando il Consiglio federale dovrebbe annunciare un giro di vite sugli attuali provvedimenti anti-coronavirus.

E si parla appunto anche di telelavoro che - secondo una bozza della nuova ordinanza di cui è entrato in possesso anche 20 Minuten - potrebbe diventare praticamente obbligatorio. I datori di lavoro dovrebbero quindi adottare «le misure tecniche e organizzatorie necessarie». Una stretta che dovrebbe valere fino al prossimo 20 gennaio per limitare la diffusione del coronavirus durante le festività. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) avrebbe avanzato una proposta in tal senso già lo scorso ottobre, come scrive il Blick.

«Possiamo direttamente chiudere i battenti» - Non è comunque ancora chiaro se ci sarà un obbligo o meno. Ma secondo la testata d'oltre San Gottardo, su questo punto all'interno del Consiglio federale i pareri sarebbero contrastanti. E c'è preoccupazione anche nei settori economici, che temono un aumento dei costi. «Se le piccole imprese devono mandare a casa tutti i lavoratori, allora possono direttamente chiudere i battenti» afferma Roland Rupp, presidente dell'Associazione svizzera delle PMI.

Rupp fornisce quindi un esempio: un'impresa di pittura con quattro operai e una persona che si occupa della contabilità. Quest'ultima dovrebbe lavorare da casa. «Ma nelle imprese artigianali di queste dimensioni, non è tutto digitalizzato: gli imbianchini non vanno in giro con un tablet». Ricevute, rapporti e altro sono quindi ancora cartacei. Come fare? Gli operai dovrebbero recarsi a casa del contabile per fornirgli la documentazione. Oppure andrebbe previsto un incontro in ufficio, «rendendo quindi insensato il lavoro da casa».

«Un'ondata di fallimenti» - Per Rupp la questione è chiara: «Se la vita delle PMI viene resa più complicata con un obbligo di telelavoro, dobbiamo prepararci a un'ondata senza precedenti di fallimenti e chiusure». Già nella situazione attuale, l'associazione riceve tra le cinque e le dieci notifiche al giorno relative a piccole imprese che stanno chiudendo.

Anche secondo Rudolf Minsch di Economiesuisse, un obbligo di telelavoro porterebbe con sé diversi problemi: «Gli obblighi non sono mai una buona cosa, in quanto non tengono in considerazione le situazioni specifiche delle singole aziende». Se si fa di tutta l'erba un fascio, per molte ditte non ci sarebbe più un rapporto corretto tra costi e benefici: «Se un dipendente abita a cinque minuti dal posto di lavoro, dove ha un ufficio singolo, non ha senso mandarlo a casa».

Meno produttività - Ma un provvedimento del genere creerebbe problemi anche a imprese più grandi, quali i fornitori di servizi finanziari, come afferma Balz Stückelberger, responsabile dell'associazione dei datori di lavoro delle banche in Svizzera: «Nel settore già un buon cinquanta percento dei collaboratori lavora da casa. Una situazione, questa, sopportabile per un lungo periodo». Se il provvedimento dovesse scattare obbligatoriamente per tutti i dipendenti per cui sia possibile dal punto di vista tecnico, si assisterebbe in particolare a un aumento dei problemi psicosociali: «Lavorare per mesi da casa, da soli, ha un impatto sulla psiche, che a sua volta ha conseguenze sulla produttività». Proprio per far fronte a questo fenomeno, già ora l'associazione noterebbe un aumento delle richieste di consulenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
3 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
3 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
8 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
9 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
10 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
12 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
13 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
13 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
14 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
15 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile