Keystone
Sempre più soli.
SVIZZERA
01.12.20 - 17:320

Il grido d'allarme degli infermieri: «Manca personale»

Le assenze sono talmente elevate che a volte sono comunque chiamate a lavorare persone che risultano positive.

«In questo modo si mette in pericolo la loro salute, quella degli anziani e quella dei loro colleghi di lavoro».

BERNA - Il personale delle case per anziani e di cura lamenta un'acuta carenza di effettivi e condizioni di lavoro insostenibili dall'inizio dell'epidemia di coronavirus. Di conseguenza chiede a Confederazione e Cantoni di adottare misure immediate per alleviare la situazione.

Mentre la prima ondata dell'epidemia di Covid-19 è stata contrassegnata soprattutto dalla mancanza di materiale di protezione, attualmente il problema più grave è la forte carenza di personale. Le assenze sono talmente elevate che a volte sono comunque chiamate a lavorare persone che risultano positive al SARS-CoV-2. Mettono così in pericolo la loro salute, quella degli anziani e quella dei loro colleghi di lavoro, si legge in un comunicato odierno diffuso al termine di una video-conferenza con una trentina di partecipanti iscritti al sindacato Unia.

Con una risoluzione viene quindi chiesto che in nessun caso siano chiamati al lavoro gli operatori sanitari infetti o sospettati di esserlo. E che i Cantoni garantiscano la disponibilità di effettivi sufficienti tramite pool di personale a livello cantonale e di case per anziani medicalizzate oppure con l'aiuto supplementare del servizio civile e militare.

Oltre a ciò - aggiunge il testo - bisogna pianificare subito una riduzione del carico di lavoro del personale, già al limite prima dell'epidemia in seguito alle continue misure di risparmio messe in atto. E dopo l'epidemia il personale infermieristico e di assistenza dovrà essere in grado di riprendersi, altrimenti il tasso già molto elevato di abbandono del posto di lavoro assumerà proporzioni drammatiche. Ci sarà quindi bisogno di tempo, con una compensazione finanziaria per gli straordinari, degli aumenti salariali, una riduzione dell'orario di lavoro e una maggiore quantità di effettivi, da promuovere tramite formazione professionale e continua.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
3 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
8 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
8 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
9 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
10 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
11 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
11 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
12 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
12 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
13 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile