Deposit (immagine illustrativa)
SVIZZERA
01.12.20 - 16:160

Il coronavirus ha tirato fuori il peggio della nostra società

Uno studio dell'Università di Lucerna svela che la tolleranza reciproca e la fiducia nel prossimo sono diminuite.

In base a un sondaggio realizzato negli scorsi mesi, la metà degli interpellati ritiene che si sia creata una scollatura nella società. «La maggior distanza fisica corrisponde a un aumento di quella psicologica».

LUCERNA - Con l'epidemia di coronavirus molte persone ritengono che la tolleranza reciproca e la fiducia nelle altre persone siano diminuite e che la coesione sociale stia andando in frantumi. È quanto risulta da uno studio della Scuola universitaria di Lucerna (HSLU).

I ricercatori dell'HSLU hanno chiesto a intervalli regolari a migliaia di persone come percepivano i cambiamenti sociali durante questo periodo di pandemia di SARS-CoV-2, sia a livello individuale che di convivenza.

In base all'ultimo sondaggio, realizzato nei mesi di ottobre e novembre, la metà degli interpellati ritiene che si sia creata una scollatura nella società e che quest'ultima stia andando alla deriva.

I tre quarti notano una maggiore distanza nelle relazioni interpersonali. Inoltre, la metà degli intervistati afferma che con la situazione creata dalla Covid-19 le persone parlano tra loro meno di prima.

«La maggiore distanza fisica sembra essere accompagnata da un aumento della distanza psicologica», rileva Marcel Zbinden, esperto dell'HSLU di psicologia del lavoro, citato in comunicato della scuola universitaria.

Sebbene gli incontri con altre persone possono essere traslati nello spazio digitale questo non colma tutte le lacune e non funziona bene per molte situazioni del vissuto collettivo, aggiunge Zbinden.

Secondo i ricercatori dell'HSLU, poi, il fatto che la metà dei partecipanti allo studio risenta una diminuzione della tolleranza e della fiducia verso gli altri è da imputare alla forte polarizzazione della società. Durante la pandemia la gente si è divisa in due campi di opinione tra i quali il piglio sta diventando sempre più aspro, soprattutto sui social media.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
15 min
Maltempo, nuova neve in Svizzera
Svizzera tedesca imbiancata anche in pianura.
SVIZZERA
3 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
14 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
15 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
16 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
18 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
18 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
19 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
20 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile