Deposit (immagine illustrativa)
SVIZZERA
01.12.20 - 16:160

Il coronavirus ha tirato fuori il peggio della nostra società

Uno studio dell'Università di Lucerna svela che la tolleranza reciproca e la fiducia nel prossimo sono diminuite.

In base a un sondaggio realizzato negli scorsi mesi, la metà degli interpellati ritiene che si sia creata una scollatura nella società. «La maggior distanza fisica corrisponde a un aumento di quella psicologica».

LUCERNA - Con l'epidemia di coronavirus molte persone ritengono che la tolleranza reciproca e la fiducia nelle altre persone siano diminuite e che la coesione sociale stia andando in frantumi. È quanto risulta da uno studio della Scuola universitaria di Lucerna (HSLU).

I ricercatori dell'HSLU hanno chiesto a intervalli regolari a migliaia di persone come percepivano i cambiamenti sociali durante questo periodo di pandemia di SARS-CoV-2, sia a livello individuale che di convivenza.

In base all'ultimo sondaggio, realizzato nei mesi di ottobre e novembre, la metà degli interpellati ritiene che si sia creata una scollatura nella società e che quest'ultima stia andando alla deriva.

I tre quarti notano una maggiore distanza nelle relazioni interpersonali. Inoltre, la metà degli intervistati afferma che con la situazione creata dalla Covid-19 le persone parlano tra loro meno di prima.

«La maggiore distanza fisica sembra essere accompagnata da un aumento della distanza psicologica», rileva Marcel Zbinden, esperto dell'HSLU di psicologia del lavoro, citato in comunicato della scuola universitaria.

Sebbene gli incontri con altre persone possono essere traslati nello spazio digitale questo non colma tutte le lacune e non funziona bene per molte situazioni del vissuto collettivo, aggiunge Zbinden.

Secondo i ricercatori dell'HSLU, poi, il fatto che la metà dei partecipanti allo studio risenta una diminuzione della tolleranza e della fiducia verso gli altri è da imputare alla forte polarizzazione della società. Durante la pandemia la gente si è divisa in due campi di opinione tra i quali il piglio sta diventando sempre più aspro, soprattutto sui social media.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Quando l'apprendista cuoco diventa poliziotto (per forza)
Giovani costretti a trovare un lavoro di ripiego a causa della crisi del coronavirus
SONDAGGIO TAMEDIA
3 ore
Dal Covid al terrorismo: come voterai il prossimo 13 giugno?
Sono cinque gli oggetti che passeranno dalle urne. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
9 ore
Il Covid «continua a pesare sullo stato d'animo delle persone»
La situazione economica si è stabilizzata ma la preoccupazione resta viva in un terzo della popolazione.
SONDAGGIO
GINEVRA
10 ore
«Test PCR gratuiti come i vaccini». Si scalda il dibattito
La proposta è del consigliere di Stato ginevrino Mauro Poggia che evoca una «disparità di trattamento».
SVIZZERA
12 ore
La paura di andarsi a vaccinare: «Non mi sono mai messa così in pericolo»
Sui social le lamentele di chi ha trovato palesi le carenze dei centri, troppo affollati e poco areati
FOTO
ZURIGO
14 ore
Un religioso cattolico ha benedetto alcune coppie queer
Il luogo prescelto è stato una panchina con i colori dell'arcobaleno sul Platzspitz
ZURIGO
16 ore
Reddito di base? A Zurigo si voterà un esperimento pilota
Al progetto dovrebbero partecipare poi almeno 500 persone, secondo l'iniziativa che ha raccolto oltre 4'000 firme
BERNA
17 ore
Questi sono gli allentamenti che potrebbero arrivare
Quarantena, ristorazione, smartworking: aumentano le pressioni sul Consiglio federale per un ritorno alla normalità
GRIGIONI
17 ore
Morto un motociclista di 51 anni
Nella località grigionese di Fläsch è finito contro la cinta muraria
BERNA
20 ore
Furto di oltre 150'000 franchi da distributori automatici di snack
Sono quattro le persone finite in manette nel Canton Berna. Avrebbero agito tra gennaio e settembre 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile