keystone
GRIGIONI
01.12.20 - 13:310
Aggiornamento : 14:31

«Meglio la gente sulle piste, che in paese»

Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»

COIRA - Il Governo grigionese è disposto ad accettare regolamenti più severi della Confederazione contro il coronavirus nelle zone di sport invernali. Tuttavia, oggi ha anche chiarito che vuole mantenere aperti gli impianti sciistici.

L'esecutivo è pronto ad accettare misure di protezione più incisive, a controllarle e a sanzionare qualora non vengano rispettate, ha detto oggi a Coira Marcus Caduff (PDC), direttore del Dipartimento dell'economia. Questi ha sottolineato che il rischio di contrarre il coronavirus non è maggiore in una giornata di sci che dopo essere stati in un centro commerciale. Non è accettabile trasformare le stazioni sciistiche in capri espiatori, ha detto.

Le funivie devono essere equiparate ai trasporti pubblici, ha avanzato Caduff. Hanno investito del denaro in misure di protezione. Questo rende la situazione diversa dalla scorsa primavera. Allora il Consiglio federale aveva chiuso gli impianti di risalita da un giorno all'altro.

La gente andrà comunque in montagna nelle prossime settimane. «Se chiudiamo gli impianti sciistici, le persone si concentreranno nei villaggi» ha continuato Caduff.

Venerdì il governo retico intende comunicare le proprie misure nei comprensori sciistici e per gli sport invernali. Attualmente è in contatto con le autorità federali.

Il direttore della sanità Peter Peyer (PS) ha sottolineato che le misure di protezione contro il coronavirus nei comprensori sciistici devono essere ragionevoli e fattibili. Le norme federali non dovrebbero semplicemente rendere impossibile l'attività degli impianti di risalita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
35 min
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
2 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
2 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
2 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
3 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
SVIZZERA
6 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
SVIZZERA
6 ore
L'approccio di Raiffeisen sugli interessi negativi sta cambiando
Sì a chi vuole depositare in tempi brevi grandi quantità di denaro, no ai clienti di lungo corso
SVIZZERA
7 ore
UBS, Hamers è convinto: l'indagine nei Paesi Bassi «finirà bene»
«Ho sempre agito in buona fede» ha dichiarato il presidente della direzione del colosso bancario
SVIZZERA
8 ore
Dopo la neve arriva il pericolo d'inondazioni
Un fronte caldo potrebbe contribuire allo scioglimento delle nevi e all'ingrossamento dei corsi d'acqua.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile