Archivio Keystone
SVIZZERA
30.11.20 - 11:350
Aggiornamento : 14:54

Caritas: «Più aiuti per i poveri del coronavirus»

L'organizzazione sottolinea l'importanza di fornire assistenza, soprattutto nella situazione attuale

BERNA - La crisi del coronavirus sta aggravando la povertà in Svizzera: ne è convinta Caritas Svizzera, che invita quindi Confederazione e Cantoni ad adottare ulteriori misure per aiutare le persone in difficoltà finanziarie.

Caritas ha nel frattempo lanciato la più grande operazione di soccorso della sua storia per la popolazione svizzera e «una fine non è prevedibile», ha dichiarato oggi in conferenza stampa a Berna Bruno Bertschy, responsabile progetti. Dall'inizio della pandemia, il numero di richieste di consulenza sociale è salito a 10'000, il doppio rispetto agli altri anni, ha precisato.

Nonostante i pacchetti di aiuti della Confederazione e dei Cantoni, molte persone dipendono dal sostegno, ha detto Bertschy. Soprattutto nella Svizzera romanda il numero è aumentato durante la seconda ondata pandemica. L'aiuto complessivo fornito finora da Caritas ammonta a 12,2 milioni di franchi, di cui 9,7 milioni provengono dalla Catena della Solidarietà. Queste donazioni hanno reso possibili azioni di soccorso per 100'000 persone.

Richieste a Confederazione e Cantoni - Alla conferenza stampa, trasmessa anche online, l'organizzazione umanitaria ha avanzato richieste concrete alla Confederazione e ai Cantoni. Ad esempio il fatto che persone singole e famiglie dovrebbero essere sostenute per due anni attraverso pagamenti diretti mirati e che l'attuazione dovrebbe essere basata sul sistema di prestazioni complementari, ha detto il direttore della Caritas Hugo Fasel.

Inoltre Caritas chiede che l'indennità per lavoro ridotto venga portata al 100% per le persone che vivono una situazione precaria.

Anche i fondi per la riduzione dei premi dovrebbero essere aumentati in modo significativo, di almeno il 50% nei prossimi due anni, ha detto Fasel. In questo modo si terrebbe conto del ritardo nei casi di assistenza sociale.

Queste misure socio-politiche sono urgenti, ha aggiunto, in quanto "la rete sociale ha delle lacune". Secondo Fasel, le richieste di Caritas sono modeste. Va ricordato che dietro tutte le statistiche federali sulla disoccupazione ci sono persone disperate con paure esistenziali, ha puntualizzato.

In molti casi si tratta di famiglie con figli minorenni e, con una frequenza superiore alla media, anche di famiglie monoparentali. Inoltre nella Svizzera romanda è risultato evidente che di fronte a una situazione di crisi, i numerosi lavoratori sans-papiers non godono di nessuna sicurezza sociale. Per questo motivo Caritas chiede di "sganciare" gli aiuti sociali dal permesso di soggiorno.

In alcuni luoghi, i lunghi periodi di attesa per il sostegno statale aggravano la situazione, il che significa che le persone senza riserve finanziarie si trovano in difficoltà esistenziali, precisa l'organizzazione.

Alimentari più economici - Caritas Svizzera e le 16 organizzazioni regionali Caritas hanno sostenuto finora circa 14'000 persone bisognose con aiuti finanziari diretti in modo che potessero pagare l'affitto, le fatture della cassa malattia e altre spese. Finora, 78'000 persone hanno beneficiato di progetti a carattere regionale.

Un contributo importante è dato dai 21 mercati di Caritas, dove, tra l'altro, si possono acquistare prodotti alimentari a prezzi ridotti. Entro la fine dell'anno, qui saranno distribuite gratuitamente anche mezzo milione di mascherine.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
40 min
Frontale a Mulegns, in tre in ospedale
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi.
SVIZZERA
40 min
Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere
L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.
GRIGIONI
2 ore
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
2 ore
Gestione della pandemia nel mondo: ecco dove si situa la Svizzera
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
3 ore
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
4 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
4 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
ZURIGO
14 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
GRIGIONI
15 ore
Nuova variante identificata a scuola: pronti i test a tappeto
L'istituto sarà chiuso fino al 6 febbraio, mascherina obbligatoria nel comune
SVIZZERA
16 ore
Ritardi anche per Moderna
Lo ha confermato l'UFSP, che non ha però specificato l'effetto dei ritardi sulle forniture elvetiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile