keystone
SVIZZERA
26.11.20 - 14:250
Aggiornamento : 15:15

Che batosta per la Posta

Il Covid ha affossato i ricavi nei primi tre trimestri. Ma si vede una luce in fondo al tunnel

BERNA - Un netto calo dei risultati nei primi tre trimestri, ma una leggera stabilizzazione negli ultimi mesi che fa ben sperare. Così si può riassumere il 2020 della Posta, su cui inevitabilmente pesa l'epidemia di Covid-19 che però, a tirar le somme, potrebbe comportare conseguenze meno gravi del previsto.

A fine settembre, sciorina la Posta in un comunicato odierno, l'utile del gruppo ammontava a 136 milioni di franchi, ben 127 milioni in meno rispetto a dodici mesi fa. Sostanziosa flessione anche per l'Ebit, crollato di 195 milioni a 176 milioni, e per i ricavi d'esercizio, scesi a 5113 milioni (-187 mio).

Le conseguenze della pandemia pesano quindi non poco sulle finanze del gigante giallo. La picchiata dei risultati nei primi nove mesi è soprattutto riconducibile alla persistente pressione sui principali fattori generatori di valore dell'azienda: volumi di lettere, operazioni allo sportello e interessi.

In confronto al 2019 si è osservata una diminuzione del 6,8% del volume di lettere spedite e del 14,9% dei pagamenti effettuati allo sportello, mentre presso PostFinance i proventi da interessi sono scesi di 25 milioni. Tutti e tre gli indici comunque registravano da tempo una tendenza negativa, evoluzione che il coronavirus ha accentuato. Allo stesso tempo vi è stato un aumento, di circa un quinto, dei pacchi trasportati, insufficiente però per compensare le altre unità operative.

Da agosto tuttavia la situazione si è stabilizzata, si legge nella nota. In particolare nelle lettere si fa strada una certa ripresa. Decisivo per definire il risultato annuale sarà dunque l'imminente periodo festivo, tradizionalmente «molto importante per la nostra attività» dichiara, citato nel comunicato, il responsabile delle finanze Alex Glanzmann, che comunque parla di «solide basi» a disposizione della Posta.

Senza dimenticare che l'andamento della pandemia potrebbe cambiare rapidamente le previsioni, attualmente la società si aspetta che l'impatto sulle casse, pur notevole, sarà meno grave di quanto temuto alla fine del secondo trimestre. Il gigante giallo cita tra gli effetti del coronavirus anche i mancati ricavi nel trasporto passeggeri per AutoPostale, mentre è stata minima l'incidenza di fattori quali i premi per ringraziare i collaboratori dell'esercizio (10,5 milioni) e l'acquisto di dispositivi di protezione come disinfettanti, pannelli in plexiglas e mascherine, nonché l'assunzione di personale interinale (21 milioni).

La Posta ricorda infine di aver teso la mano in questi mesi agli altri attori economici, a loro volta colpiti dalla crisi, ad esempio saldando in anticipo le fatture e concedendo perlomeno riduzioni ai suoi locatari. Attraverso il francobollo "COVID-19 Solidarietà", l'azienda ha raccolto 2,7 milioni, devoluti alla Catena della Solidarietà e alla Croce Rossa Svizzera. PostFinance ha invece aderito al programma di aiuti del Consiglio federale rilasciando crediti transitori alle PMI per un volume di 850 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
43 min
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
59 min
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
2 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Friborgo
11 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
12 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
15 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
15 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
15 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
16 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
17 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile