Keystone (archivio)
GINEVRA
20.11.20 - 18:490

«Fiducia in chi ci dirige»

Il comitato regionale della RTS approva le misure apportate dal CdA e dal direttore dell'azienda.

La SSR ha deciso di affidare a tre inchieste esterne il mandato di far luce sulle rivelazioni di presunte molestie sessuali e abusi alla radiotelevisione romanda.

GINEVRA - Il comitato regionale della Radiotelevisione della Svizzera romanda (RTS) condanna «fermamente» ogni forma di molestia in seguito alle recenti rivelazioni che mettono in causa dipendenti della RTS. Nel contempo rinnova la propria fiducia al suo direttore Pascal Crittin e a quello della SSR Gilles Marchand.

Riunitosi oggi, il comitato regionale della RTS «approva le varie misure prese dal consiglio di amministrazione e dalla direzione della SSR e della RTS, d'intesa con i partner sociali SSM e Collettivo dello sciopero delle donne della RTS», si legge in un comunicato odierno.

La SSR ha deciso di affidare a tre inchieste esterne il mandato di far luce sulle rivelazioni di presunte molestie sessuali e abusi alla radiotelevisione romanda, di cui la stampa ha parlato nelle scorse settimane dopo la pubblicazione di un'inchiesta dettagliata da parte del quotidiano Le Temps.

Sabato 31 ottobre il quotidiano romando aveva pubblicato una lunga inchiesta, facendo stato di molestie sessuali, gesti inappropriati e abusi di potere all'interno della Radiotelevisione romanda. Coinvolti sarebbero due quadri e l'ex presentatore star del telegiornale serale, Darius Rochebin.

«Ogni caso (...) deve essere esaminato e condurre a misure appropriate, e se necessario a sanzioni», prosegue il comitato regionale della RTS.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
URI
2 min
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
1 ora
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
2 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
4 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
4 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
5 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
5 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
7 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
9 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
17 ore
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile