Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
20.11.20 - 12:100
Aggiornamento : 15:37

Un altro agente di polizia condannato

Durante un inseguimento, attraversò un paese (dove il limite era di 50 km/h) a 105 km/h, prendendo il radar

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso del poliziotto contro la pena pecuniaria di 100 aliquote di 60 franchi.

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha confermato la condanna, sospesa, nei confronti di un agente di polizia del canton Vaud che era stato pizzicato da un radar a St-Prex (VD) durante un inseguimento avvenuto nel giugno 2017. Il poliziotto, all'entrata del paese, circolava a 105 km/h orari su un tratto con un limite di 50 km/h.

Solo poche settimane fa un processo simile si è svolto anche in Ticino, dopo che un agente di polizia era incappato in un radar a Montagnola nel giugno 2019. Il giudice gli ha inflitto una pena di 12 mesi sospesi con la condizionale, con la possibile revoca della patente di guida.

Nel caso del poliziotto vodese, tuttavia, il tribunale aveva deciso in prima istanza di assolverlo. In seguito a un ricorso del Ministero pubblico, l'agente è stato condannato in appello a una pena pecuniaria pari a 100 aliquote giornaliere di 60 franchi, sospesa per due anni.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF respinge il ricorso del poliziotto contro quest'ultima decisione. I giudici di Mon Repos si sono infatti allineati alla valutazione della giustizia vodese, la quale aveva sostenuto che l'agente non potesse invocare l'eccezione, in caso di urgenze, prevista dal codice penale. Secondo l'articolo in questione, "nei viaggi ufficiali urgenti, il conducente di un veicolo del servizio antincendio, del servizio sanitario, della polizia o delle dogane che ha usato gli speciali segnalatori prescritti e la prudenza imposta dalle particolari circostanze non è punibile per avere violato le norme e le misure speciali concernenti la circolazione".

I giudici vodesi hanno però constatato che l'infrazione era stata commessa all'ingresso di un centro abitato, su una strada fiancheggiata da marciapiedi e con strade di accesso secondarie. Il conducente, anche se in divisa, avrebbe quindi dovuto adattare la sua velocità alla potenziale presenza di pedoni o di altri utenti della strada. Corte d'appello e TF sono dell'idea che guidando a 105 km/h, l'agente correva il rischio di non riuscire a reagire in tempo in caso di ostacoli sulla carreggiata.

Il ricorrente sosteneva che, viaggiando alla stessa velocità del veicolo che stava inseguendo, il suo eccesso di velocità fosse proporzionato in quell'occasione. Tuttavia, secondo la Corte, tale valutazione non poggia su una base giuridica. Il poliziotto avrebbe dovuto tenere conto di tutte le circostanze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
2 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ITALIA / SVIZZERA
2 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
3 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
5 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
5 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
5 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
6 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
SVIZZERA
9 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile