Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
20.11.20 - 12:100
Aggiornamento : 15:37

Un altro agente di polizia condannato

Durante un inseguimento, attraversò un paese (dove il limite era di 50 km/h) a 105 km/h, prendendo il radar

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso del poliziotto contro la pena pecuniaria di 100 aliquote di 60 franchi.

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha confermato la condanna, sospesa, nei confronti di un agente di polizia del canton Vaud che era stato pizzicato da un radar a St-Prex (VD) durante un inseguimento avvenuto nel giugno 2017. Il poliziotto, all'entrata del paese, circolava a 105 km/h orari su un tratto con un limite di 50 km/h.

Solo poche settimane fa un processo simile si è svolto anche in Ticino, dopo che un agente di polizia era incappato in un radar a Montagnola nel giugno 2019. Il giudice gli ha inflitto una pena di 12 mesi sospesi con la condizionale, con la possibile revoca della patente di guida.

Nel caso del poliziotto vodese, tuttavia, il tribunale aveva deciso in prima istanza di assolverlo. In seguito a un ricorso del Ministero pubblico, l'agente è stato condannato in appello a una pena pecuniaria pari a 100 aliquote giornaliere di 60 franchi, sospesa per due anni.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF respinge il ricorso del poliziotto contro quest'ultima decisione. I giudici di Mon Repos si sono infatti allineati alla valutazione della giustizia vodese, la quale aveva sostenuto che l'agente non potesse invocare l'eccezione, in caso di urgenze, prevista dal codice penale. Secondo l'articolo in questione, "nei viaggi ufficiali urgenti, il conducente di un veicolo del servizio antincendio, del servizio sanitario, della polizia o delle dogane che ha usato gli speciali segnalatori prescritti e la prudenza imposta dalle particolari circostanze non è punibile per avere violato le norme e le misure speciali concernenti la circolazione".

I giudici vodesi hanno però constatato che l'infrazione era stata commessa all'ingresso di un centro abitato, su una strada fiancheggiata da marciapiedi e con strade di accesso secondarie. Il conducente, anche se in divisa, avrebbe quindi dovuto adattare la sua velocità alla potenziale presenza di pedoni o di altri utenti della strada. Corte d'appello e TF sono dell'idea che guidando a 105 km/h, l'agente correva il rischio di non riuscire a reagire in tempo in caso di ostacoli sulla carreggiata.

Il ricorrente sosteneva che, viaggiando alla stessa velocità del veicolo che stava inseguendo, il suo eccesso di velocità fosse proporzionato in quell'occasione. Tuttavia, secondo la Corte, tale valutazione non poggia su una base giuridica. Il poliziotto avrebbe dovuto tenere conto di tutte le circostanze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
8 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
9 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
9 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
12 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
15 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
16 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
17 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
20 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile