Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
19.11.20 - 15:180

Le riserve degli assicuratori malattia sono più del doppio

L'aumento dei premi di cassa malati è stato portato a Berna da Lorenzo Quadri

Il Consiglio federale: «Avviata una consultazione allo scopo di favorire la riduzione volontaria delle riserve eccessive».

BERNA - Alla fine del 2020, le riserve degli assicuratori malattia dovrebbero raggiungere gli 11,3 miliardi di franchi, a fronte di riserve minime previste per legge di 5,6 miliardi, per un rapporto di poco superiore al 200%. In futuro, però, anche per alleggerire finanziariamente gli assicuratori, questo rapporto dovrebbe passare dal 150% al 100%.

È quanto indica il Consiglio federale rispondendo a un'interpellanza del consigliere nazionale Lorenzo Quadri (Lega/TI), preoccupato per l'ennesimo incremento dei premi malattia nonostante le riserve in crescita e il fatto che i costi sanitari, complice a suo avviso la pandemia di coronavirus, sono scesi a causa della riduzione delle attività mediche.

Per il deputato, insomma, le «riserve esagerate degli assicuratori malattia sono la diretta conseguenza di premi eccessivi». Un aumento dei premi nel 2021 genererebbe un ulteriore incremento delle riserve.

Nella sua risposta, il Governo rammenta di aver avviato una consultazione allo scopo di favorire la riduzione volontaria delle riserve eccessive. Secondo questo progetto, la quota di riserve passa dal 150 al 100% del livello minimo legale. Tale modifica proposta dovrebbe incentivare gli assicuratori a «maggiormente ridurre i premi a vantaggio degli assicurati».

Quanto alle cifre, stando all'Esecutivo risulta che alla fine del 2019 le riserve ammontavano a 9,5 miliardi, mentre il minimo prescritto per legge era di 4,7 miliardi. Il rapporto tra le riserve disponibili e le riserve minime era del 203%. Alla fine del 2020 le riserve degli assicuratori raggiungono gli 11,3 miliardi a fronte di riserve minime pari a 5,6 miliardi. Il rapporto tra i due elementi resta dunque invariato, precisa il Consiglio federale. In futuro, tale rapporto dovrebbe calare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
13 min
«Non lasciamoci dividere»
Il neo presidente della Confederazione ha incentrato il suo discorso sulla pandemia: «La crisi avrà una fine».
SVIZZERA
1 ora
Più tasse sulle sigarette? I fumatori diminuiscono
La Svizzera ha attualmente la più bassa pressione fiscale in Europa e ciò deve cambiare, secondo due associazioni
SVIZZERA
1 ora
Dopo 24 anni tocca a un ticinese
Ignazio Cassis è stato eletto alla presidenza della Confederazione con 156 voti. Il suo vice sarà Alain Berset.
SVIZZERA
1 ora
Sospetto islamista: «In Svizzera non può entrare»
Il Tribunale Amministrativo Federale ha respinto il ricorso di un cittadino francese, oggetto di un divieto di 5 anni
GRIGIONI
3 ore
Hotel a cinque stelle vittima di un attacco hacker
I criminali informatici hanno colpito il Waldhaus di Flims, rubando dati di dipendenti e ospiti.
GRIGIONI
5 ore
Il lupo come "vicino" durante l'inverno
Gli avvistamenti possono essere più frequenti durante la stagione fredda ma «non c'è un pericolo maggiore per l'uomo»
BERNA
5 ore
È il giorno di Cassis presidente
L'elezione da parte delle Camere federali avverrà verso le 12. L'ultimo ticinese a ricoprire la carica fu Flavio Cotti
SVIZZERA
5 ore
Se un medico deve decidere a chi dare l'ultimo letto in cure intense
Personale sanitario costretto a scegliere chi curare? Ecco su quali criteri si devono basare
SONDAGGIO ELETTORALE TAMEDIA
7 ore
Quale partito intendete votare?
L'appuntamento con le prossime elezioni federali è previsto il 22 ottobre 2023. Oggi chi votereste?
Berna
13 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile