Materiale bellico: l'iniziativa va verso la bocciatura
Archivio Keystone
SVIZZERA
18.11.20 - 06:300
Aggiornamento : 10:52

Materiale bellico: l'iniziativa va verso la bocciatura

Anche quella “Per imprese responsabili” registra un calo dei consensi. I favorevoli sono ora al 51%

Ecco i risultati del terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia

BERNA - Le due iniziative che il prossimo 29 novembre passeranno dalle urne stanno perdendo consensi. In particolare quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico», che ora va verso una bocciatura. È quanto emerge dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia, che dal 12 al 14 novembre 2020 ha interpellato oltre 13'800 persone da tutta la Svizzera.

Quando manca poco più di una settimana all'appuntamento con le votazioni, per le due iniziative si sta dunque delineando uno scenario diverso. Al momento soltanto il 51% dei cittadini si dice favorevole all'iniziativa «Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente» (nel precedente rilevamento la percentuale era del 57%), mentre il 48% è contrario e l'1% non ha ancora preso una decisione.

Il calo più importante lo registra invece l'iniziativa sul materiale bellico, che attualmente trova il sostegno soltanto del 41% dei cittadini. Si tratta di una diminuzione dei consensi pari al 10% rispetto al sondaggio condotto due settimane fa. I contrari sono al 58% e gli indecisi all'1%.

Entrambe le proposte trovano sostegno soprattutto tra le donne, come pure tra i giovani e nelle città. E sono iniziative che piacciono soprattutto tra gli elettori della sinistra. Ma questi voti favorevoli non sembrano essere sufficienti.

Per quanto riguarda l'iniziativa “Per imprese responsabili”, il calo dei consensi si rileva praticamente tra le fila di tutti i partiti (eccetto i Verdi). Ma soprattutto tra gli elettori dell'UDC (-10%).

L'iniziativa che chiede il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico fa invece i conti con un vero e proprio crollo dei favorevoli tra i verdi liberali. Dal 67% dei consensi emersi dallo scorso rilevamento si è passati al 46% (si parla quindi di una diminuzione di 21 punti percentuali). La maggior parte dei contrari ritiene che la proposta non abbia alcun effetto sulla domanda e l'offerta di materiale bellico a livello globale.

Il sondaggio

Sono 13'884 le persone da tutta la Svizzera che dal 12 al 14 novembre hanno preso parte al terzo sondaggio di 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 29 novembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,4%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
8 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
8 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
8 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
10 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
13 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
13 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
15 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
16 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
16 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile