Archivio Keystone
SVIZZERA
18.11.20 - 06:300
Aggiornamento : 10:52

Materiale bellico: l'iniziativa va verso la bocciatura

Anche quella “Per imprese responsabili” registra un calo dei consensi. I favorevoli sono ora al 51%

Ecco i risultati del terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia

BERNA - Le due iniziative che il prossimo 29 novembre passeranno dalle urne stanno perdendo consensi. In particolare quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico», che ora va verso una bocciatura. È quanto emerge dal terzo sondaggio di 20 minuti e Tamedia, che dal 12 al 14 novembre 2020 ha interpellato oltre 13'800 persone da tutta la Svizzera.

Quando manca poco più di una settimana all'appuntamento con le votazioni, per le due iniziative si sta dunque delineando uno scenario diverso. Al momento soltanto il 51% dei cittadini si dice favorevole all'iniziativa «Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente» (nel precedente rilevamento la percentuale era del 57%), mentre il 48% è contrario e l'1% non ha ancora preso una decisione.

Il calo più importante lo registra invece l'iniziativa sul materiale bellico, che attualmente trova il sostegno soltanto del 41% dei cittadini. Si tratta di una diminuzione dei consensi pari al 10% rispetto al sondaggio condotto due settimane fa. I contrari sono al 58% e gli indecisi all'1%.

Entrambe le proposte trovano sostegno soprattutto tra le donne, come pure tra i giovani e nelle città. E sono iniziative che piacciono soprattutto tra gli elettori della sinistra. Ma questi voti favorevoli non sembrano essere sufficienti.

Per quanto riguarda l'iniziativa “Per imprese responsabili”, il calo dei consensi si rileva praticamente tra le fila di tutti i partiti (eccetto i Verdi). Ma soprattutto tra gli elettori dell'UDC (-10%).

L'iniziativa che chiede il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico fa invece i conti con un vero e proprio crollo dei favorevoli tra i verdi liberali. Dal 67% dei consensi emersi dallo scorso rilevamento si è passati al 46% (si parla quindi di una diminuzione di 21 punti percentuali). La maggior parte dei contrari ritiene che la proposta non abbia alcun effetto sulla domanda e l'offerta di materiale bellico a livello globale.

Il sondaggio

Sono 13'884 le persone da tutta la Svizzera che dal 12 al 14 novembre hanno preso parte al terzo sondaggio di 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 29 novembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,4%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
42 min
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
1 ora
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
6 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
6 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
8 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
10 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
10 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
11 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
12 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
12 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile