Keystone (archivio)
VALLESE
16.11.20 - 11:380

Tutti in coda per sciare, gli impianti di Zermatt chiedono aiuto alla polizia

Centinaia di appassionati di sport invernali si sono ammassati davanti agli impianti di risalita.

Ai piedi del Cervino si è deciso di rafforzare le misure di sicurezza e di chiedere il supporto degli agenti.

ZERMATT - Immagini condivise sui social media mostrano folle di appassionati di sport invernali accalcati davanti agli impianti di risalita delle stazioni sciistiche durante il fine settimana appena trascorso. A Zermatt (VS) i gestori hanno chiesto man forte alla polizia comunale per garantire il rispetto delle misure di distanziamento. Non si segnalano problemi legati all'obbligo d'indossare mascherine.

Sabato mattina, quando abbiamo aperto, la prima mezz'ora c'è stata una folla di gente come al solito, ha spiegato Mathias Imoberdorf, portavoce degli impianti di risalita di Zermatt, interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, confermando un articolo pubblicato oggi da "20 Minuten".

Durante la giornata e anche domenica gli sciatori si sono però molto ben distribuiti nel comprensorio, secondo Imoberdorf. Dato che i dipendenti degli impianti erano molto impegnati è stato chiesto il supporto alla polizia comunale, che ha garantito il rispetto delle norme di distanziamento, sia sabato che domenica.

Secondo Imoberdorf, lo spazio per stare in coda alla stazione a valle degli impianti di risalita è abbastanza ristretto e non è possibile estenderlo, perché altrimenti gli sciatori si troverebbero ad aspettare in strada. Il comprensorio sciistico di Zermatt con i suoi ghiacciai è aperto tutto l'anno, ma l'inizio ufficiale della stagione invernale è previsto il 5 dicembre.

Non si registrano finora problemi con la mascherina: il 99,9% degli avventori la indossava. Nel comprensorio c'è l'obbligo di metterla su tutti gli impianto di risalita e in tutte le aree in cui è necessario fare la coda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
2 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
3 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
5 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
8 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
16 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
22 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
22 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
23 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile