Deposit
Nel mirino del religioso le rappresentazioni di draghi, serpenti e teschi
VALLESE
15.11.20 - 08:050
Aggiornamento : 13:47

I tatuaggi sono «cose demoniache»: sacerdote sospeso dall'insegnamento

Le sue esternazioni hanno causato angoscia tra gli allievi. Il prete: «Alcuni disegni sono pubblicità della morte».

La curia: «Sarebbe un peccato se, per una persona, gli alunni abbandonassero religione».

BITSCH - Era forse troppo "vecchia scuola" o è stato in parte frainteso un sacerdote vallesano attivo da anni come docente di religione delle medie che è stato allontanato dall'insegnamento per avere, tra le altre cose, definito i tatuaggi una «cosa demoniaca».

Come riporta il Walliser Bote, l'angoscia degli allievi e la rabbia dei genitori dell'istituto di Bitsch è montata recentemente, tanto da spingere le famiglie degli scolari a minacciare di ritirare i figli da religione. «Ha parlato ai ragazzi della dannazione eterna», lamenta un genitore. Il prete ha inoltre appunto descritto i tatuaggi (o almeno alcuni di essi) come una «cosa demoniaca» e viene accusato per altre esternazioni che non sono state rese pubbliche.

Lui si difende: «Ho parlato con i ragazzi del simbolismo di determinate cose», spiega. Per quanto riguarda i tatuaggi, in particolare, erano proprio alcuni disegni che lo turbavano: «Sempre più spesso immagini di serpenti, draghi e teschi sono una sorte di pubblicità della morte sulla pelle e questo in qualche modo non è cristiano - afferma -. Noi ci impegniamo per la vita e non vogliamo fare contropubblicità».

Benché non voglia ritrattare le sue esternazioni, il religioso teme di aver sottostimato l'effetto che potevano avere gli alunni. Soprattutto quando riferite «in forma abbreviata» una volta tornati a casa.

Le sue spiegazioni non hanno convinto il vescovo di Sion, che ha preferito allontanarlo dalla scuola: «Siamo arrivati alla conclusione che era meglio che l'attività d'insegnamento fosse assunta da qualcun altro», fa sapere il vicario generale. Il timore era in particolare che i giovani lasciassero in massa l'insegnamento di religione: «Sarebbe un peccato se per una persona si arrivasse a tanto», ha concluso.      

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
45 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile