Keystone
HONG KONG / SVIZZERA
13.11.20 - 15:280

Assolto il pensionato svizzero a processo a Hong Kong

Marc Progin aveva fotografato una zuffa avvenuta all'esterno di una banca.

Ma per farlo avrebbe agevolato l'aggressione di un cittadino cinese. Era accusato di perturbamento dell'ordine pubblico e rischiava un anno di detenzione.

HONG KONG - Un tribunale di Hong Kong oggi ha assolto dall'accusa di "perturbamento dell'ordine pubblico" un pensionato svizzero che da decenni risiede nell'ex colonia britannica. L'anno scorso si era trovato nel mezzo di una zuffa tra i dimostranti filodemocratici e un impiegato di banca cinese, che era rimasto ferito. Per l'accusa in questione rischiava un anno di detenzione.

I fatti risalgono al 4 ottobre del 2019, al culmine di quattro mesi di manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong. Marc Progin, ora 75enne, ha fotografato un alterco fuori dagli uffici della banca statunitense JP Morgan Chase, dove Lin Nan, un impiegato della Cina continentale, è stato attaccato da dimostranti filodemocratici. Questi ultimi si erano incolleriti in seguito all'affermazione «siamo tutti cinesi», proferita dall'impiegato, ritenuta una provocazione.

Un video diventato virale mostrava Progin che chiudeva la porta in vetro della banca per fotografare meglio gli eventi, impedendo così all'impiegato di rientrare velocemente in banca. Qualche secondo dopo, Lin è stato ripetutamente preso a pugni da un dimostrante, con il volto coperto da un passamontagna, che si è poi subito dileguato.

Le immagini avevano hanno suscitato la rabbia delle autorità cinesi, e quelle di Hong Kong hanno quindi intrapreso un'azione legale contro lo svizzero.

Al processo, i procuratori hanno accusato il 75enne di aver deliberatamente chiuso la porta della banca e che la sua azione ha permesso l'assalto all'impiegato: un fatto ritenuto equivalente a "perturbamento dell'ordine pubblico".

I legali dello svizzero hanno invece spiegato che stava solo facendo il suo lavoro di fotografo amatoriale, e che aveva chiuso la porta per meglio posizionarsi al fine di riprendere della scena. Gli avvocati hanno anche mostrato in tribunale altri cliché di Progin per cercare di dimostrare che stava lavorando e non dimostrando.

La giudice Stephanie Tsui ha quindi detto che il tribunale non poteva escludere che la sua intenzione fosse quella di «fare delle buone foto».

Marc Progin si è trasferito nel 1976 nell'allora colonia britannica (1842-1997), dove ha intrapreso una carriera di orologiaio. Viaggiava spesso nella regione asiatica, segnatamente in Cina. Dopo il pensionamento si è dedicato a fondo alla fotografia, realizzando numerose esposizioni, in particolare sui nomadi della Mongolia. Quando è iniziata la crisi politica a Hong Kong, nel giugno del 2019, Progin è andato diverse volte a scattare istantanee delle maggiori contestazioni dalla retrocessione alla Cina nel 1997.

Almeno 10'000 persone sono state arrestate a Hong Kong dall'inizio del movimento pro democrazia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO E VIDEO
BERNA
2 sec
La polizia ha impedito «un possibile assalto a Palazzo federale»
Gli oppositori delle misure anti-Covid hanno tentato di sfondare una barriera davanti all'edificio governativo
GINEVRA
3 ore
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
3 ore
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
9 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
11 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
11 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
16 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
17 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
18 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
18 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile