Keystone
HONG KONG / SVIZZERA
13.11.20 - 15:280

Assolto il pensionato svizzero a processo a Hong Kong

Marc Progin aveva fotografato una zuffa avvenuta all'esterno di una banca.

Ma per farlo avrebbe agevolato l'aggressione di un cittadino cinese. Era accusato di perturbamento dell'ordine pubblico e rischiava un anno di detenzione.

HONG KONG - Un tribunale di Hong Kong oggi ha assolto dall'accusa di "perturbamento dell'ordine pubblico" un pensionato svizzero che da decenni risiede nell'ex colonia britannica. L'anno scorso si era trovato nel mezzo di una zuffa tra i dimostranti filodemocratici e un impiegato di banca cinese, che era rimasto ferito. Per l'accusa in questione rischiava un anno di detenzione.

I fatti risalgono al 4 ottobre del 2019, al culmine di quattro mesi di manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong. Marc Progin, ora 75enne, ha fotografato un alterco fuori dagli uffici della banca statunitense JP Morgan Chase, dove Lin Nan, un impiegato della Cina continentale, è stato attaccato da dimostranti filodemocratici. Questi ultimi si erano incolleriti in seguito all'affermazione «siamo tutti cinesi», proferita dall'impiegato, ritenuta una provocazione.

Un video diventato virale mostrava Progin che chiudeva la porta in vetro della banca per fotografare meglio gli eventi, impedendo così all'impiegato di rientrare velocemente in banca. Qualche secondo dopo, Lin è stato ripetutamente preso a pugni da un dimostrante, con il volto coperto da un passamontagna, che si è poi subito dileguato.

Le immagini avevano hanno suscitato la rabbia delle autorità cinesi, e quelle di Hong Kong hanno quindi intrapreso un'azione legale contro lo svizzero.

Al processo, i procuratori hanno accusato il 75enne di aver deliberatamente chiuso la porta della banca e che la sua azione ha permesso l'assalto all'impiegato: un fatto ritenuto equivalente a "perturbamento dell'ordine pubblico".

I legali dello svizzero hanno invece spiegato che stava solo facendo il suo lavoro di fotografo amatoriale, e che aveva chiuso la porta per meglio posizionarsi al fine di riprendere della scena. Gli avvocati hanno anche mostrato in tribunale altri cliché di Progin per cercare di dimostrare che stava lavorando e non dimostrando.

La giudice Stephanie Tsui ha quindi detto che il tribunale non poteva escludere che la sua intenzione fosse quella di «fare delle buone foto».

Marc Progin si è trasferito nel 1976 nell'allora colonia britannica (1842-1997), dove ha intrapreso una carriera di orologiaio. Viaggiava spesso nella regione asiatica, segnatamente in Cina. Dopo il pensionamento si è dedicato a fondo alla fotografia, realizzando numerose esposizioni, in particolare sui nomadi della Mongolia. Quando è iniziata la crisi politica a Hong Kong, nel giugno del 2019, Progin è andato diverse volte a scattare istantanee delle maggiori contestazioni dalla retrocessione alla Cina nel 1997.

Almeno 10'000 persone sono state arrestate a Hong Kong dall'inizio del movimento pro democrazia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
6 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
10 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
14 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
15 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
16 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
19 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
20 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
23 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile