Keystone
André Béchir, organizzatore di eventi
SVIZZERA
13.11.20 - 14:280

Eventi, spettacoli e viaggi: gli organizzatori chiedono più aiuti

I sostegni previsti finora dalla Confederazione (400 milioni) sono giudicati insufficienti per sopravvivere.

BERNA - I settori che organizzano eventi, spettacoli, così come i rami economici legati ai viaggi chiedono un aumento significativo del sostegno federale per i casi di rigore. Dal loro punto di vista, i 400 milioni previsti dalla Confederazione per far fronte alle difficoltà generate dal coronavirus sono insufficienti.

In una conferenza stampa tenutasi oggi in modo virtuale, questi settori economici evidenziano come da marzo in alcuni casi le vendite sono crollate di oltre il 90%. Senza aiuti, la situazione attuale non è sostenibile per molte piccole e medie imprese. «Un sostegno nettamente più importante» è dunque necessario per sopravvivere nei mesi a venire.

André Lüthi, numero uno dell'agenzia di viaggi Globetrotter, ha detto che «ci vorrebbe sicuramente un miliardo di franchi». L'organizzatore di eventi André Béchir ha auspicato «un pacchetto di aiuti finanziari adeguati entro la fine dell'anno». Max Katz, presidente della Federazione Svizzera di Viaggi (FSV), ha chiesto alla Confederazione e ai Cantoni un sostegno di 600 milioni di franchi ciascuno.

Dal loro punto di vista, la soluzione attuale, che prevede misure diverse a seconda dei cantoni, non è «giusta». Poiché l'attuazione degli aiuti in casi di rigore spetta ai Cantoni, una concorrenza sleale e controversie in materia d'interpretazione e competenze sono inevitabili, afferma Christoph Kamber, presidente dell'associazione Expo Event Swiss Livecom.

La Confederazione deve «rapidamente e senza complicazioni» prendere in mano la situazione per i casi di rigore, hanno sostenuto i partecipanti alla conferenza stampa, sottolineando come molte imprese necessitano assolutamente di aiuti urgenti entro fine anno.

Le rivendicazioni espresse oggi non rappresentano una sorpresa: già sabato scorso il presidente della Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica (CDEP), Christoph Brutschin, aveva detto che i fondi per sostenere le imprese in gravi difficoltà, i cosiddetti casi di rigore, dovrebbero essere aumentati a un miliardo di franchi o anche di più.

In un'ordinanza posta in consultazione il 4 novembre, il Consiglio federale propone di mettere sul tavolo 200 milioni di franchi al massimo. La Confederazione contribuirebbe così nella misura del 50% alle misure adottate autonomamente dai singoli Cantoni dall'entrata in vigore della Legge COVID-19 a fine settembre: il totale degli aiuti raggiungerebbe dunque al massimo 400 milioni di franchi.

Il responsabile del Dipartimento federale delle finanze (DFF), Ueli Maurer, presentando il pacchetto, aveva ammesso che la cifra dovrebbe essere rivista «tenendo conto delle probabili nuove richieste». A suo avviso si tratta però di agire il più rapidamente possibile: la norma, dopo una consultazione spedita, di soli dieci giorni, dovrebbe infatti entrare in vigore il primo dicembre.

Per Brutschin solo una minoranza dei Cantoni sarà però pronta entro quella data. Per quelli che sono tenuti a elaborare una base legale non ci sarà abbastanza tempo. «Sarà già una performance da primato se ci riescono entro la fine dell'anno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
4 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
4 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
6 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
7 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
8 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
9 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
10 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
11 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile