Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
ZURIGO
13.11.20 - 23:590
Aggiornamento : 14.11.20 - 10:20

L'email della quarantena gli arriva un mese dopo

Il servizio di contact tracing, enormemente sotto pressione per l'aumento dei contagi, deve ormai agire per priorità.

Il caso limite avvenuto a Zurigo ne è un esempio. Un esperto: «Il focus principale è infatti stato posto sull'isolamento delle persone appena infettate e sul riconoscimento delle situazioni di rischio».

Fonte Anna Meier / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

ZURIGO - Con l'aumento esponenziale dei casi registrato nell'ultimo mese, anche il servizio di contact tracing si trova estremamente sotto pressione e in grosse difficoltà (ne avevamo già parlato qui).  E quello avvenuto negli scorsi giorni a Zurigo, e riportato da 20 Minuten, è solo l'ultimo di una lunga serie di casi che mostrano quanto questo importantissimo servizio per bloccare le catene di contagio sia ormai al limite estremo delle sue capacità. «Ieri ho ricevuto l'email dell'Ufficio del medico cantonale di Zurigo che mi avvisava che dovevo mettermi in quarantena fino al 9 ottobre per aver avuto contatti con una persona positiva», racconta un lettore. Un messaggio, questo, arrivato con oltre un mese di ritardo.

A questo punto l'uomo decide di contattare il servizio di contact tracing per capire cosa non abbia funzionato e la risposta che riceve è inequivocabile: «Purtroppo, a causa dell'elevato numero di casi, non siamo stati in grado di avvisarti prima». Una situazione insostenibile che si spera sia solo passeggera: «La ricerca dei contatti è stata fortemente penalizzata del forte aumento del numero di casi in tutti i cantoni», afferma Thomas Steffen, membro del consiglio dell'Associazione svizzera dei medici cantonali. «Il focus principale è infatti stato posto sull'isolamento delle persone appena infettate e sul riconoscimento delle situazioni di rischio, ad esempio tra gli anziani o nelle case di cura». La speranza è che con un abbassamento dei contagi, anche questa importante arma per contrastare il virus posso tornare a funzionare a pieno regime.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
6 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
8 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
10 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
10 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
11 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
11 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
12 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
15 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
SVIZZERA
17 ore
«Un generale dell'elettricità? Non siamo in guerra»
SImonetta Sommaruga rifiuta l'idea proposta dall'UDC: «Ognuno si assuma le proprie responsabilità».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile