Ti Press (archivio)
SVIZZERA
12.11.20 - 16:530

«Occorre rinviare tutti gli interventi e i trattamenti non urgenti»

La Società svizzera di medicina intensiva ha lanciato oggi un nuovo appello.

BERNA - Occorre rinviare gli interventi e i trattamenti non urgenti negli ospedali di tutta la Svizzera. Ne è convinta la Società svizzera di medicina intensiva (SSMI), che segue l'appello lanciato la settimana scorsa dal ministro della sanità Alain Berset ad alcuni cantoni della Svizzera tedesca.

In una nota odierna, la SSMI giustifica la sua richiesta con il forte aumento di pazienti trattati negli ospedali o nei reparti di terapia intensiva a causa di un'infezione da coronavirus. Al fine di continuare a curare tutti i pazienti gravemente malati, occorre rinviare le operazioni e i trattamenti non urgenti.

La SSMI ricorda come taluni cantoni - in special modo nella Svizzera romanda - abbiano raggiunto in questi ultimi giorni i limiti delle loro capacità in materia di letti nelle cure intensive. Per questo diversi pazienti sono stati trasferiti in cantoni che hanno risorse sufficienti.

La cellula di coordinamento nazionale, istituita dal Servizio Sanitario Coordinato (SSC) su richiesta della SSMI, è a disposizione di ogni cantone e dei reparti di terapia intensiva in via sussidiaria. Il suo scopo è proprio quello di sostenerli nel trasferimento dei pazienti gravemente malati da coronavirus in tutta la Svizzera, qualora fosse necessario.

La SSMI tiene a ringraziare i cantoni, gli ospedali e i reparti di cure intensive «per il loro sostegno reciproco e la loro solidarietà» in queste difficili settimane. Nel contempo la Società svizzera di medicina intensiva sottolinea come le persone che hanno dolori acuti o bisogno di una consultazione medica non debbano esitare a farsi controllare.

Infine, secondo la SSMI, tutte le persone - in particolare quelle a rischio di un'infezione severa da coronavirus - dovrebbero dichiarare anticipatamente se auspicano o no beneficiare di misure per prolungare la vita in caso di malattia grave.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
9 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
9 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
12 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
15 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
15 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
15 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
18 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile