Tipress (archivio)
SVIZZERA
12.11.20 - 12:050
Aggiornamento : 27.11.20 - 11:13

Altri 6'924 casi, 280 ricoveri e 94 decessi

Lieve frenata della diffusione del virus: calano i contagi e la percentuale dei test positivi.

Tra gli ospedalizzati delle ultime due settimane ci sono anche 35 giovanissimi (tra gli 0 e i 19 anni).

BERNA - Sembra aver subito una lieve frenata la diffusione del coronavirus nel nostro Paese. E i dati odierni sembrano confermare questa lieve stabilizzazione verso il basso del numero dei contagi. Nelle ultime 24 ore sono infatti stati contabilizzati "solo" 6'924 nuovi casi.

94 vittime - Rimane per contro relativamente alto il numero di ospedalizzazioni (280) e decessi (94). Il tasso di positività dei tamponi è pure - come il numero delle infezioni - in leggero calo e oggi si è attestato al 21.9% contro il 26.5% di media negli scorsi 14 giorni. I test effettuati sono stati 31'659.

Centomila casi in due settimane - Osservando i dati delle ultime due settimane i contagi sono stati quasi centomila (media 6'919 al giorno), le ospedalizzazioni 2'228 (159 ogni 24 ore) e i decessi 809 (58 al giorno).

Anche giovanissimi in ospedale - La maggior parte dei ricoveri nell'arco temporale tra il 26 ottobre e l'8 novembre concerne persone anziane sopra gli 80 anni (862). Ma non sono solo gli anziani a finire in ospedale. Dal grafico odierno riportato dall'Ufsp risultano anche un centinaio di ospedalizzati nella fascia d'età che va dai 40 ai 49 anni e una quarantina tra i 30 e i 39. La statistica mostra che anche per alcuni giovanissimi si è reso necessario un ricovero ospedaliero: nove tra i 10 e i 19 anni e 26 tra gli 0 e i 9.


Screenshot Ufsp

I dati da inizio crisi - Dall'inizio dell'epidemia ad aver contratto il virus sono 250'396 persone. I ricoveri sono stati 9'713 e i decessi 2'863. I test svolti per rilevare il SARS-CoV-2 sono 2'318'688, di cui l'11.5% è risultato positivo. L'incidenza della malattia ha raggiunto i 2'896,5 casi ogni 100'000 abitanti.

Isolamento e quarantene - Le persone in isolamento sono 44'507: altre 41'663 entrate in contatto con loro sono in quarantena, una situazione nel quale si trovano anche 1'593 individui rientrati in Svizzera da un Paese considerato a rischio.

Screenshot Ufsp
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 10 mesi fa su tio
Ma cavolo.. Fin che entrano 70000 potenziali infetti.. E il virus gira🕉️
matrix61 10 mesi fa su tio
Mi dovete spiegare perché la Svezia 🇸🇪 la vita scorre normalmente senza maschera 👺
Lore61 10 mesi fa su tio
@matrix61 Perché la gente non si fa impressionare dal bombardamento quotidiano di terrorismo mediatico dei contagi, hanno capito che per evitare di aprire e chiudere in continuazione, hanno imparato a convivere con la schifezza virus! Da noi l'ntenzione è quella di continuare così anche TUTTO l'anno prossimo, hanno scelto di far morire di fame la maggioranza della gente che asintomatici o meno si son curati da soli in casa! In molti non hanno la più pallida idea della bolla che sta per scoppiare in fallimenti e disastri sociali!
pollicino 10 mesi fa su tio
e gli anni passati?contala giusta!!!!!¨gli ospedali pediatrici non sono mica nati questa primavera!!!!!!
Don Quijote 10 mesi fa su tio
Siccome la gravità del covid si bassa sul numero dei contagiati e non dei decessi stiamo andando bene rispetto ai giorni scorsi
Mauz 10 mesi fa su tio
Forse a livello di comunicazione si sta sbagliando...il saliscendi dei contagi è costante da qualche settimana ormai. Non si può parlare di lieve calo...se non si protrae per diverse settimane consecutive. Altrimenti si rischia di fare disinformazione (vedi i vari spot pubblicitari a inizio estate che proclamavano che ce l’avevamo quasi fatta e che non bisognava inciampare proprio sul finale, quando non eravamo nemmeno arrivati a metà di questa situazione) e visto che la pandemia è stata presa piuttosto sottogamba qui in Svizzera, direi che non è proprio il caso.
roma 10 mesi fa su tio
Tüt a posct
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
5 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
6 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
7 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
10 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
13 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
14 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
ZURIGO
14 ore
«Vittima di una violenza brutale»
La polizia zurighese fornisce nuovi informazioni sul delitto: «La persona fermata è un 20enne e ha confessato».
BERNA
15 ore
La curva dei contagi continua a calare
Nelle ultime 72 ore 102 perone hanno necessitato di un ricovero in ospedale.
FOTO
SVIZZERA
18 ore
Università al via, tra Covid Pass e polemiche
Alcune centinaia di studenti si sono riuniti davanti a diversi atenei per protestare contro l'uso del certificato.
CONFINE
20 ore
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile