Archivio Keystone
SVIZZERA
11.11.20 - 11:140

Nella lotta contro il terrorismo «lo scambio di dati tra cantoni è problematico»

Secondo Mark Burkhard, presidente della CCPCS, il nocciolo della questione sta nei sistemi informatici

BERNA - Il passaggio d'informazioni tra un cantone e l'altro rappresenta una problema nel quadro della lotta al terrorismo. È l'allarme lanciato da Mark Burkhard, nuovo presidente della Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali (CCPCS), secondo cui il nocciolo della questione sta nei sistemi informatici, che non consentono lo scambio automatico di dati.

La comunicazione con le autorità straniere invece funziona bene, rileva Burkhard, eletto a capo della CCPCS a inizio novembre, in un'intervista concessa all'edizione odierna della "bz Basel". Ad esempio, nel caso del recente attentato di Vienna, l'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha stabilito molto rapidamente contatti con le agenzie estere.

La Fedpol ha potuto chiarire con i cantoni se il terrorista fosse conosciuto e se ci fossero persone che avevano avuto contatti con lui. Tuttavia, lamenta Burkhard, di formazione ingegnere informatico ed economista, uno scambio automatizzato non è possibile. In poche parole, ciò significa che non si può semplicemente verificare se un soggetto è noto alla polizia, ma bisogna rivolgersi ai singoli corpi.

Al momento, continua Burkhard, si sta tentando di creare una base giuridica per sbloccare lo scambio automatizzato d'informazioni, uno strumento che sarebbe «molto importante, soprattutto nel caso di reati gravi». Il numero uno della CCPCS cita un esempio concreto: se un agente controlla un individuo per strada, è fondamentale sapere se esso è già noto alle forze dell'ordine. È possibile che sia in corso una procedura contro questa persona, ma il poliziotto, allo stato attuale delle cose, non può saperlo.

Burkhard sottolinea inoltre come il rischio di attentati terroristici in Svizzera sia aumentato, pur se il Paese non è al centro dell'attenzione dei fondamentalisti islamici. Un attacco simile a quello di Vienna è uno scenario assolutamente immaginabile anche nelle città elvetiche, mette in guardia.

La polizia sta attentamente monitorando e valutando la situazione nella Confederazione. Potrebbero quindi esserci adeguamenti alle misure di sicurezza dei singoli Cantoni, ad esempio in occasione dei mercatini di Natale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
6 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
10 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
11 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
12 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
13 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
13 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
14 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
14 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
15 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
16 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile