Keystone
Dalla seconda metà d'ottobre, la quantità di soldi spesi dagli svizzeri in Germania si è ridotta drasticamente
SAN GALLO / GERMANIA
08.11.20 - 13:090
Aggiornamento : 15:06

Turismo degli acquisti ancora permesso, ma gli svizzero tedeschi preferiscono lasciar perdere

La Germania prevede un'eccezione alla quarantena per i confederati, che di questi tempi, però, non sembrano ingolositi.

Cautela dovuta alla pandemia, ma non solo: «Molta gente non sa della deroga. Hanno solo letto i titoloni che dicevano che la Svizzera diventava un Paese a rischio».

SAN GALLO / STOCCARDA - La Germania ha inserito la Svizzera nella lista dei Paesi a rischio Covid-19, ma per gli abitanti di diversi cantoni svizzero-tedeschi e del Giura è stata creata un'eccezione che permette loro di recarsi nel confinante Baden-Württemberg per meno di 24 ore - per esempio per andare a fare la spesa - senza doversi sottoporre ad alcuna quarantena. Una "cortesia" tutta tedesca pensata anche per non ostacolare il turismo degli acquisti che, però, sembra non ingolosire affatto i consumatori svizzeri. 

Come rivela uno studio dell'Università di San Gallo (HSG) riportato dal Tages-Anzeiger, infatti, nella seconda metà d'ottobre, parallelamente al peggioramento dei numeri della pandemia, la mole di denaro spesa dai clienti confederati in Germania si è contratta improvvisamente, a una velocità che ricorda le chiusure dei confini di metà marzo.

Se nella settimana dal 12 al 18 ottobre gli svizzeri sborsavano ancora complessivi 25 milioni di franchi utilizzando carte di debito nella vicina Bundesrepublik, la settimana successiva tale cifra era già scesa a 17. Quella dopo, tra il 26 ottobre e il 1° novembre, l'importo era ulteriormente calato a 15 milioni.  

La flessione, precisa il professore di econometria dell'HSG Matthias Fengler, è senz'altro da ricondurre a una generale riduzione della mobilità delle persone, che è stato possibile riscontrare anche all'interno della Svizzera. A ridursi, con il crescere delle cautele dovute al pericolo di contagio, è stata però anche la propensione a dedicarsi alle abituali attività del tempo libero: «In fondo, una gita in Germania è molto di più di una semplice spesa al supermercato», fa notare Fengler.

A trattenere gli svizzero tedeschi dall'andare con la stessa assiduità di sempre a fare acquisti nel Paese confinante sarebbe stata infine anche la scarsa conoscenza della deroga creata apposta per loro: «Molta gente non sa affatto delle eccezioni nel Baden-Württemberg - sottolinea il docente -. Hanno solo letto i titoloni che dicevano che la Svizzera diventava un Paese a rischio».

La deroga vale per i soggiorni di meno di 24 ore e per le persone provenienti dai cantoni di Appenzello Interno ed Esterno, Argovia, Basilea Città e Basilea Campagna, Giura, Sciaffusa, Soletta, San Gallo, Turgovia e Zurigo. Oltre a frontalieri e studenti, sono dispensati dalla quarantena in caso di visite "lampo" anche gli abitanti delle vicine regioni francesi del Basso e Alto Reno, del Liechtenstein e del Vorarlberg, in Austria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
47 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
1 ora
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
5 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
11 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
18 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
19 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile