Keystone
SVIZZERA
01.11.20 - 08:000
Aggiornamento : 11:08

«Rispettare tutti insieme le stesse regole è più semplice»

La psicologa della salute Urte Scholz fornisce consigli su come affrontare la seconda ondata, nonostante la "stanchezza"

«È importante parlare apertamente con amici e familiari, ma anche con i colleghi di lavoro. E in caso di bisogno affidarsi ai professionisti»

Fonte 20 Minuten / Leo Hurni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Sono passati otto mesi. Otto mesi dal primo caso di Covid-19 in Svizzera. Incertezza e paura sono tra le emozioni che in molti hanno provato durante la prima ondata.

E se durante l’estate tutti (o quasi) sono tornati a una pressoché completa normalità, la seconda ondata spaventa ancora di più. Anche per le ripercussioni sulla psicologia della popolazione. «Le nuove limitazioni, con il freddo, l’inverno e il buio, rischiano di acuire gli stati depressivi», avvisano gli esperti. 

Tra questi Urte Scholz, psicologa della salute e ricercatrice presso l’Università di Zurigo. «Perseverare in un comportamento che implica un “costo” per noi è difficile - ha spiegato a 20 Minuten -. Lo sa bene chi prova a fare esercizio con regolarità o inizia una dieta. In estate i numeri erano bassi, la gente voleva la normalità, si parlava troppo poco della necessità di evitare il propagarsi dei contagi». 

Dopo mesi di tranquillità, dunque, risulta ancora più faticoso adattarsi alle nuove limitazioni decise dal Consiglio federale. Ma la psicologa è convinta che «regole chiare, decise e uniformi» siano più efficaci.

«Se ci si appella solo alla responsabilità personale, la reazione non potrà essere uniforme. Ad esempio una persona dovrebbe giustificarsi se sceglie di non partecipare a un pranzo o a una festa in famiglia. Ci si ritrova in “situazioni scomode”».

Alla base del ragionamento c’è la convinzione che «le cose sono più facili se fatte insieme». Appoggiarsi a decisioni personali lascia troppo spazio all’interpretazione. Le nuove norme decise per tutta la Svizzera dovrebbero pertanto facilitare il compito alla popolazione, anche se i Cantoni hanno la facoltà di inasprirle ulteriormente.

Ma come si fa a salvaguardare la mente? «È importante parlare apertamente con amici e familiari, ma anche con i colleghi di lavoro della situazione e di come ognuno di noi si sente - conclude Urte Scholz -. Ci vuole un sostegno reciproco. Ed è importante mantenere le relazioni sociali, anche virtuali».

Inoltre, non bisogna vergognarsi a chiedere aiuto a dei professionisti: «Un consiglio professionale può favorire il mantenimento del benessere psicologico. Poi ognuno trova le sue soluzioni, come fare sport o passare più tempo con i figli».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
3 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
3 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
SVIZZERA
6 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
SVIZZERA
7 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
7 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
8 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
Glarona
10 ore
Omicidio a Netstal: trovata morta in un parcheggio una 30enne
Il presunto autore si è consegnato alla polizia in seguito all'atto
SVIZZERA
10 ore
I malati di Long-Covid in campo per convincere i non vaccinati
L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.
SVIZZERA
10 ore
«Mille franchi in regalo a chi mi porta un cuoco per il mio ristorante»
La forte carenza di personale preoccupa il mondo della ristorazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile