tipress
Lisa Rusconi durante un esercizio.
SVIZZERA
31.10.20 - 22:240
Aggiornamento : 01.11.20 - 10:02

«Ci picchiavano sulle gambe e sulle braccia»

Otto atlete lanciano accuse pesanti alla Federazione svizzera di ginnastica. Compresa la ticinese Lisa Rusconi

«Ancora adesso non riesco a mangiare se qualcuno mi guarda».

BIENNE - Ansia e disturbi alimentari, depressione, disturbo da stress post-traumatico, addirittura pensieri suicidi. Otto ex ginnaste svizzere di alto livello hanno denunciato disagi dovuti a una «pressione eccessiva» e hanno rivolto una serie di accuse alla Federazione svizzera di ginnastica (Fsg) dalle colonne del Tages Anzeiger.

Le prime denunce sono comparse, a mezzo stampa, nel corso dell'estate. Sono sfociate nel licenziamento dell'allenatrice della nazionale di ginnastica ritmica, la bulgara Iliana Dineva, e della collega Anelia Stantcheva, allenatrice dei quadri rossocrociati. Ora però il caso si allarga, a seguito delle interviste rilasciate apertamente da atlete di punta come Ariella Käslin, Marine Périchon, Lynn Genhart, Lisa Rusconi e Stephanie Kälin.

Pressioni «disumane», violenze psicologiche da parte di allenatori e supervisori. Atlete costrette ad allenarsi nonostante gli infortuni, aggredite verbalmente e addirittura fisicamente. Le testimonianze sono state raccolte dal quotidiano tra otto ginnaste allenatesi tra il 2005 e il 2020 nel centro di allenamento di Magglingen, sopra Bienne. 

«A volte ci picchiavano sulle gambe e sulle braccia, ci pizzicavano così forte che mi venivano i lividi» ha raccontato ad esempio la 23enne ticinese Lisa Rusconi, per 12 volte campionessa svizzera di ginnastica ritmica. «Molte di noi avevano problemi con il cibo. Perdere cinque chili in una settimana era normale. Ancora adesso non riesco a mangiare se qualcuno mi guarda».

E non si sarebbe trattato di casi sporadici, ma di "violenze sistematiche". Un "sistema" che avrebbe portato la Fsg, nel periodo preso in esame, a licenziare e sostituire per ben tre volte gli allenatori di ginnastica ritmica o di ginnastica artistica, a causa di lamentele da parte degli atleti. 

Dopo le ultime denunce è stato avviato un audit, affidato a uno studio legale esterno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
51 min
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
3 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
6 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
17 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
18 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
20 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
21 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
21 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
22 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
23 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile