Archivio Keystone
SVIZZERA
30.10.20 - 12:360

Commercio al dettaglio: fatturato in lieve calo in settembre

Si rileva però una forte progressione del commercio online

NEUCHÂTEL - In settembre il fatturato del commercio al dettaglio, corretto in base all'effetto dei giorni festivi, è aumentato dello 0,3% su base annua tenendo conto dell'inflazione. Rispetto al mese precedente le cifre d'affari destagionalizzate hanno però presentato un calo del 3,6%, sempre in termini reali. È risultata forte la progressione del commercio via internet.

In termini nominali, dopo la correzione relativa ai giorni festivi, nel mese di settembre il commercio al dettaglio (distributori di benzina esclusi) ha registrato una progressione delle vendite pari all'1,0% rispetto a dodici mesi prima (in termini reali: +1,5%), indica oggi l'Ufficio federale di Statistica. Le vendite registrate dai distributori di benzina sono invece ancora risultate in regresso, con un -15,1% in termini nominali (-3,8% in termini reali).

Prodotti alimentari, bevande e tabacchi ha segnato un aumento delle cifre d'affari del 5,6% in termini nominali (+5,1% in termini reali), il comparto non alimentare un calo del 3,1% in termini nominali (-2,0%).

A registrare la crescita più marcata sono stati i rami "altri oggetti di uso domestico in esercizi specializzati" (+12,2%; in termini reali: +12,8%) e "bancarelle del mercato, commercio per corrispondenza e attraverso Internet" (+9,5%; in termini reali: +10,1%).

I rami "articoli culturali e ricreativi" (-9,5%; in termini reali: -11,0%) e "articoli di abbigliamento, medicinali, orologi e articoli di gioielleria" (-9,2%; in termini reali: -8,5%) non mostrano invece ancora nessun segno di ripresa.

Al netto delle variazioni stagionali, nel mese di settembre 2020 il commercio al dettaglio, distributori di benzina esclusi, ha registrato una riduzione del fatturato del 3,4% in termini nominali rispetto ad agosto 2020 (in termini reali: -3,3%). Per quanto concerne i prodotti alimentari, bevande e tabacchi, le vendite sono regredite del 3,2% in termini nominali (-3,3%), nel comparto non alimentare hanno presentato una diminuzione del 3,9% (-3,7%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
2 ore
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
SVIZZERA
2 ore
La delusione dei vaccinati
Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini
SVIZZERA
2 ore
Omicron: anche i vaccinati devono fare la quarantena
Il motivo? «Una misura precauzionale finché non ne sappiamo di più», spiegano dall'Ufficio federale di Sanità Pubblica
SVIZZERA
3 ore
400 km in sella a favore dei malati di Parkinson
I responsabili del progetto "Temperature in sella" hanno donato 10'000 franchi all'Associazione Parkinson Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
18 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
20 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
21 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
22 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile