I passeggeri erano quasi tornati, ma ora...
Keystone
SVIZZERA
29.10.20 - 14:130
Aggiornamento : 14:48

I passeggeri erano quasi tornati, ma ora...

Tra luglio e settembre l'affluenza è stata del 30% inferiore a quella dello scorso anno.

Ma comunque nettamente superiore a quella registrata fra aprile e giugno. La seconda ondata non fa però ben sperare.

BERNA - Il traffico ferroviario passeggeri si sta riprendendo dopo le misure adottate in primavera per contrastare l'epidemia di coronavirus, ma solo lentamente. La domanda nel terzo trimestre è infatti ancora inferiore del 30% rispetto all'anno scorso. Per quanto riguarda le merci, la situazione è quasi tornata al livello del 2019.

Tra luglio e settembre sono stati registrati 3,82 miliardi di passeggeri-chilometri, quasi il doppio di quanto totalizzato tra aprile e giugno, indica il Servizio di informazione per i trasporti pubblici (LITRA) in una nota odierna. Ciò rappresenta tuttavia solo il 70% del numero di passeggeri registrato nello stesso periodo dell'anno scorso.

Per quanto riguarda il traffico merci, tra luglio e settembre sono stati toccati i 2,8 miliardi di tonnellate-chilometri nette, ciò che rappresenta un calo del 4,4% su base annua. LITRA sottolinea però che il trimestre estivo è di solito quello in cui si trasportano meno merci.

Lo scoppio della seconda ondata pandemica e il conseguente rafforzamento delle misure di protezione, come la raccomandazione del telelavoro, non fanno ben sperare, scrive ancora LITRA e non si esclude un ulteriore calo della domanda. La settimana scorsa, per esempio, i convogli delle FFS a lunga percorrenza sono stati frequentati nella misura del 60% soltanto rispetto alla stessa settimana del 2019, e quelli del traffico regionale del 70%, conclude LITRA.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
32 min
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
1 ora
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
1 ora
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
2 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
3 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
5 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
6 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
SVIZZERA
16 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
20 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile