I passeggeri erano quasi tornati, ma ora...
Keystone
SVIZZERA
29.10.20 - 14:130
Aggiornamento : 14:48

I passeggeri erano quasi tornati, ma ora...

Tra luglio e settembre l'affluenza è stata del 30% inferiore a quella dello scorso anno.

Ma comunque nettamente superiore a quella registrata fra aprile e giugno. La seconda ondata non fa però ben sperare.

BERNA - Il traffico ferroviario passeggeri si sta riprendendo dopo le misure adottate in primavera per contrastare l'epidemia di coronavirus, ma solo lentamente. La domanda nel terzo trimestre è infatti ancora inferiore del 30% rispetto all'anno scorso. Per quanto riguarda le merci, la situazione è quasi tornata al livello del 2019.

Tra luglio e settembre sono stati registrati 3,82 miliardi di passeggeri-chilometri, quasi il doppio di quanto totalizzato tra aprile e giugno, indica il Servizio di informazione per i trasporti pubblici (LITRA) in una nota odierna. Ciò rappresenta tuttavia solo il 70% del numero di passeggeri registrato nello stesso periodo dell'anno scorso.

Per quanto riguarda il traffico merci, tra luglio e settembre sono stati toccati i 2,8 miliardi di tonnellate-chilometri nette, ciò che rappresenta un calo del 4,4% su base annua. LITRA sottolinea però che il trimestre estivo è di solito quello in cui si trasportano meno merci.

Lo scoppio della seconda ondata pandemica e il conseguente rafforzamento delle misure di protezione, come la raccomandazione del telelavoro, non fanno ben sperare, scrive ancora LITRA e non si esclude un ulteriore calo della domanda. La settimana scorsa, per esempio, i convogli delle FFS a lunga percorrenza sono stati frequentati nella misura del 60% soltanto rispetto alla stessa settimana del 2019, e quelli del traffico regionale del 70%, conclude LITRA.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
7 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
7 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
8 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
9 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
10 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
11 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
12 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
12 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
GRIGIONI
13 ore
«Il booster per salvare la stagione»
Il governo grigionese si gioca il tutto per tutto con la terza dose. Intervista al consigliere di Stato Peter Peyer
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile