keystone
BERNA
28.10.20 - 16:270

5 anni di vitalizio per Blocher, ma poi basta (per tutti)

In futuro il governo intende escludere il pagamento retroattivo di vitalizi.

La legge e l'ordinanza non contengono alcuna disposizione per il caso in cui un ex magistrato non faccia valere il suo diritto al pagamento di una rendita subito dopo aver lasciato l'incarico.

BERNA - L'ex consigliere federale Christoph Blocher riceverà la rendita richiesta con effetto retroattivo per un periodo di cinque anni. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale.

In futuro, però, il governo intende escludere il pagamento retroattivo di vitalizi, si legge in una nota odierna. Tuttavia, fino a quando non sarà in vigore il relativo regolamento, l'esecutivo intende versare gli arretrati per un massimo di cinque anni, come prevede una mozione. L'ex ministro di giustizia e polizia UDC, il miliardario Christoph Blocher, potrà quindi ottenere parte del suo vitalizio, di cui aveva fatto richiesta.

La legge e l'ordinanza non contengono alcuna disposizione per il caso in cui un ex magistrato non faccia valere il suo diritto al pagamento di una rendita subito dopo aver lasciato l'incarico, precisa la nota. Poiché la legge applicabile tace su questo punto, la situazione giuridica è soggetta a interpretazione. Il Consiglio federale ha quindi basato la sua decisione su due pareri giuridici esterni e su uno dell'Ufficio federale di giustizia.

Dalla sua mancata rielezione nel 2007, l'ex consigliere federale ha rinunciato alla sua rendita. Tuttavia, nel luglio scorso ha presentato una richiesta di arretrati per 2,7 milioni di franchi, dicendone di averne diritto e di non volerla lasciare allo Stato. Blocher ha però anche dichiarato di voler donare questa somma, senza specificare a chi e quando.

All'inizio, il Consiglio federale era perlopiù favorevole alla richiesta, ma la Delegazione delle finanze dell'Assemblea federale (DelFin) gli aveva in seguito raccomandato di rinunciare al versamento retroattivo.

Secondo la DelFin, i magistrati hanno diritto a una pensione vitalizia subito dopo aver lasciato l'incarico. A differenza della rendita di una cassa pensioni, però, la pensione è un'indennità che viene corrisposta all'ex magistrato per i servizi resi. È destinata a consentire una vita conforme alla sua posizione dopo la cessazione del mandato. Si tratta insomma di un istituto particolare - "sui generis" - e non di una previdenza professionale sotto forma di assicurazione.

La DelFin ha spiegato che la legge e l'ordinanza non prevede alcuna disposizione per il caso in cui un magistrato in pensione non faccia valere il suo diritto immediatamente dopo la partenza, ma richieda successivamente un pagamento retroattivo. La Delegazione delle finanze ha inoltre ricordato che il Consiglio federale e l'amministrazione si impegnano a rispettare il principio di parsimonia.

Circa il futuro, per evitare situazioni simili, la DelFin si dice d'accordo col Consiglio federale che vuole escludere le richieste di versamento di pensioni non percepite da parte dei membri dell'esecutivo e del cancelliere della Confederazione entrati in carica dopo il primo luglio 2020, sottoponendo eventualmente al Parlamento una precisazione delle disposizioni legislative.

Soldi in beneficenza

La richiesta di Blocher non è passata inosservata, con molti politici e commentatori politici che non l'hanno presa bene, anche perché lo zurighese dispone di mezzi liquidi praticamente illimitati.

Il 10 luglio scorso, nel pieno della bufera, Blocher aveva dichiarato sul suo canale online teleblocher.ch di voler dare in beneficenza il vitalizio arretrato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Blocher ha ragione di chiedere il vitalizio. Domandiamoci se nel nostro Paese cambiano l'ordinaza quando uno come Blocher ricco domanda il vitalizio. Cosa stanno a fare i nostri deputati a Berna , e seguiti da tutti gli impiegati avvocati ecc.. ecc.. Togliamoci il cappello davantni a Blocher che ha deciso di versare i soldi in beneficenza . Vergogna ai nostri deputati che si dimettono.
Tato50 1 anno fa su tio
È un suo diritto e adesso cambieranno le regole. Mi fanno più pena certi ex che sono nei Consigli di Amministrazione che quando erano in carica ne contestavano l'operato.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Una cosa schifosa... da vergognarsi a vita.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
14 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
15 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
19 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
21 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
22 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile