Archivio Depositphotos
SVIZZERA
28.10.20 - 16:000
Aggiornamento : 19:26

Crescono gli avvelenamenti da paracetamolo

Fenomeno dovuto alla disponibilità di pastiglie con dosaggio più elevato, secondo ricercatori del Politecnico di Zurigo

Si raccomanda di fornire le compresse da 1'000 milligrammi in confezioni più piccole

ZURIGO - Il paracetamolo ha un effetto analgesico, ma una dosaggio eccessivo può essere mortale. Dal 2003 le compresse sono disponibili in Svizzera con una dose più elevata del principio attivo. Da allora i casi di avvelenamento sono più che raddoppiati, indicano ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (ETH) sulla rivista specialistica "Jama Network Open".

Secondo dati del servizio d'informazione sulle intossicazioni Tox Info Suisse, tra il 2005 e il 2018 gli avvelenamenti da paracetamolo sono aumentati da 561 a 1'188 casi, come hanno appurato Andrea Burden, professoressa di farmacoepidemiologia all'ETH, e i suoi colleghi. Essi suppongono che vi sia un collegamento tra l'aumento dei casi di avvelenamento e la disponibilità delle compresse da 1'000 milligrammi.

L'antidolorifico paracetamolo è disponibile in Svizzera senza prescrizione medica in compresse da 500 milligrammi. Dal 2003, i pazienti affetti da dolori possono ottenere, con una prescrizione medica, compresse con il doppio dosaggio. In effetti queste ultime ora sono vendute dieci volte più spesso di quelle meno potenti.

Avvelenamento fegato fino a morte - L'aspetto insidioso è che il principio attivo non funziona per tutti i pazienti e non contro tutti i tipi di dolori: «Se il farmaco è inefficace in una persona, questa potrebbe essere tentata di aumentare la dose senza consultare un professionista», ha detto Andrea Burden, citata in un comunicato dell'ETH.

La dose massima raccomandata del farmaco effettivamente sicuro è di 4'000 milligrammi al giorno per gli adulti. Un'assunzione maggiore può portare a un grave avvelenamento del fegato o addirittura alla morte. Con le compresse da 1'000 milligrammi, la dose massima giornaliera può essere superata con poche compresse in più, mentre il rischio di dose eccessiva accidentale è minore con le compresse da 500 milligrammi, ha sottolineato Burden.

Confezioni più piccole - La professoressa dell'ETH chiede che almeno le compresse da 1'000 milligrammi siano proposte solo in confezioni contenenti un numero minore di compresse. Questo proprio perché avvalorerebbe le indicazioni secondo cui il farmaco non è adatto al trattamento del dolore cronico. Inoltre, i medici dovrebbero piuttosto prescrivere le compresse da 500 milligrammi per ridurre il rischio di superare accidentalmente il limite giornaliero.

Nel 2019, il maggior numero di avvelenamenti gravi e mortali in Svizzera è stato causato da stupefacenti, animali velenosi e medicinali. Secondo Tox Info Suisse, cinque dei sette decessi censiti erano dovuti ad avvelenamento da farmaci. Il 72% dei casi gravi è stato causato da medicinali e il 14% da stimolanti e sostanze stupefacenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
6 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
10 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
10 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
10 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
12 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
12 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
12 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
14 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
15 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
17 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile