«Senza mascherina? Una multa da 250 franchi»
keystone
SVIZZERA
28.10.20 - 10:360
Aggiornamento : 14:42

«Senza mascherina? Una multa da 250 franchi»

È la proposta avanzata dalla Conferenza dei procuratori svizzeri. «Occorre armonizzare le sanzioni a livello federale»

BERNA - La Conferenza dei procuratori della Svizzera (CPS) auspica una uniformazione delle multe per chi non rispetta le norme disposte per contrastare il coronavirus: secondo un'informazione della RTS una armonizzazione a livello nazionale è in corso di elaborazione. Per chi non porta la mascherina potrebbe per esempio essere prevista una sanzione di 250 franchi.

Attualmente esistono delle differenze tra i Cantoni. Per Fabien Gasser, procuratore generale del Cantone di Friburgo, ci sono sempre più tentazioni a non rispettare le norme sanitarie: si tratta prima di tutto di «armonizzare a livello svizzero» in modo che «le sanzioni siano coerenti», ha detto, interrogato dalla radio della Svizzera romanda (RTS).

«Si parla di multe dell'ordine di 250 franchi per le persone che non indossano la mascherina dove è obbligatoria e di sanzioni di 2000-2500 franchi per gestori od organizzatori che non rispettano le disposizioni sanitarie, in particolare nei ristoranti o durate gli incontri di club sportivi», ha sottolineato Gasser.

Da parte sua il comandante della polizia cantonale di Neuchâtel Pascal Lüthi ha sottolineato a RTS Info che le forze dell'ordine hanno il compito di far rispettare le direttive e le leggi e non di occuparsi di sanzioni, tuttavia ha riconosciuto che una armonizzazione potrebbe portare «chiarezza» e «semplificare il lavoro».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
1 ora
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
3 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
4 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
4 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
6 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
6 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
7 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
10 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
10 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
11 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile