Immobili
Veicoli

SVIZZERATurismo: oltre 10 miliardi di perdite a causa della pandemia

27.10.20 - 10:59
Le previsioni del KOF parlano di 13 milioni di pernottamenti in meno
Archivio Keystone
SVIZZERA
27.10.20 - 10:59
Turismo: oltre 10 miliardi di perdite a causa della pandemia
Le previsioni del KOF parlano di 13 milioni di pernottamenti in meno
Con l'aumento delle infezioni, durante la prossima stagione invernale si assisterà a un calo del 30%

Vacanze

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Per il turismo elvetico il 2020 è un anno da dimenticare. E il settore dovrà fare i conti con una perdita di oltre dieci miliardi di franchi. Lo prevede il Centro di ricerca del Politecnico di Zurigo (KOF), che parla di 13 milioni di pernottamenti in meno a causa della pandemia.

Con l'arrivo del virus anche in Svizzera, la scorsa stagione invernale è stata bruscamente interrotta. C'è poi stata una forte domanda durante le vacanze estive, in particolare da parte del turismo interno. Ma tale domanda - osserva il KOF - non è stata in grado di compensare l'assenza di turisti stranieri. «Il numero di pernottamenti degli ospiti esteri è diminuito del 40% rispetto all'anno precedente».

I turisti stranieri (quelli che c'erano) sono arrivati dai paesi confinanti e dal Benelux. Ma la domanda dagli altri paesi europei è rimasta contenuta. «A causa delle restrizioni di viaggio, sono mancati in larga misura i turisti dai mercati lontani» sottolinea ancora il KOF. In ogni caso, ad attirare gli ospiti sono state soprattutto le regioni di montagna, il Ticino e le regioni lontane dagli hotspot turistici.

Verso l'inverno... col virus - Ora però la Svizzera e tutta l'Europa sono nuovamente nella morsa del virus. E per questo motivo anche il turismo è calato. In questo scenario, secondo il KOF, si prevede che nella stagione invernale il numero di pernottamenti dei turisti europei sarà di circa un terzo inferiore rispetto all'anno scorso e di circa la metà rispetto al livello pre-crisi. Il settore dovrà quindi continuare a fare affidamento sul turismo interno. «Si stima che il numero dei loro pernottamenti nella prossima stagione invernale sarà superiore di circa l'8% rispetto ai livelli pre-​crisi. In totale, i pernottamenti dovrebbero diminuire del 30%». Ma si teme anche uno scenario peggiore: un ulteriore aumento delle infezioni potrebbe portare a un calo dei pernottamenti anche superiore al 50%.

Un terzo dei pernottamenti sono stati cancellati

Per l'intero anno turistico 2020 si prevede una riduzione del numero di pernottamenti pari al 33,7% rispetto all'anno precedente. Mentre il crollo della domanda interna è relativamente contenuto (-14%), le perdite sui mercati internazionali sono massicce (-50%). Per quanto riguarda il numero di pernottamenti degli ospiti provenienti dai mercati lontani si registra un calo di oltre il 70%. Nel complesso il numero di pernottamenti degli ospiti esteri, rispetto al livello pre-​crisi, sarà di poco inferiore all'80% alla fine del 2021 e al 90% alla fine del 2022. Si stima che il livello pre-​crisi sarà raggiunto di nuovo solo alla fine del 2023.

In totale, nell'anno turistico 2020 la pandemia Covid-​19 porterà a una perdita stimata di 13,3 milioni di pernottamenti. Per il settore alberghiero ciò significa una riduzione di 1,6 miliardi di franchi della cifra d’affari in questo anno turistico. Per il settore turistico nel suo complesso, nello stesso periodo, la riduzione della cifra d’affari supera i 10 miliardi di franchi. L'anno prossimo il calo della domanda rispetto all'anno turistico 2019 è stimato in 6,2 miliardi di franchi.

I prezzi del settore alberghiero, dei pacchetti turistici e del trasporto aereo sono diminuiti quest'anno a causa della pandemia. Torneranno ai livelli pre-​crisi solo nel 2022. Al contrario, i prezzi nel settore della ristorazione sono leggermente cresciuti. Tale aumento è stato in linea con i normali incrementi dei prezzi degli ultimi anni. Pertanto, gli aumenti dovuti alla ridotta capacità produttiva e gli sconti dovuti alla minore domanda sembrano nel complesso bilanciarsi.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA