deposit
SVIZZERA
27.10.20 - 09:530

Meno istruiti, e più malati

In Svizzera le persone con bassa istruzione e origini straniere hanno più problemi psico-fisici. Lo dice l'Ust

BERNA - Le persone con una buona istruzione si sentono più in salute rispetto a coloro che non hanno proseguito gli studi. È quanto emerge a grandi linee dall'indagine effettuata dall'Ufficio federale di statistica (UST) basandosi su dati del 2017.

In pratica, si delinea quello che gli esperti definiscono gradiente sociale, con gli svantaggi sociali che si ripercuotono anche sullo stato di salute, ad esempio a causa di un minor ricorso alle prestazioni mediche, si legge in un comunicato odierno.

Se fra le persone senza formazione post-obbligatoria solo due terzi definiscono il loro stato di salute buono o molto buono, il dato sale a otto su dieci tra le persone con formazione di grado secondario e a nove su dieci per il grado terziario.

L'UST spiega che chi ha un livello di istruzione basso ha più probabilità di soffrire di ipertensione, diabete o di avere livelli di colesterolo elevati, tutti elementi considerati fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Molto più alto anche il rischio di incappare in mal di schiena e dolori articolari, che possono divenire cronici, compromettendo la qualità di vita.

Anche il luogo d'origine influenza lo stato di salute: sovente problemi si manifestano tra le persone della prima generazione immigrate dall'Europa orientale, sudorientale e sudoccidentale.

In tutti i gruppi di popolazione con un passato migratorio vi è un rischio maggiore di sviluppare problemi psichici, come ad esempio la depressione, continua la nota. Le differenze possono in parte essere ricondotte a disparità, ma in particolare e in modo netto anche alla carenza di sostegno sociale.

Più in generale, ad affliggere la popolazione è il problema dell'obesità, fattore che aumenta il rischio di numerose patologie. Anche in questo caso, può essere osservato un notevole gradiente sociale, con una maggiore esposizione dei gruppi con un passato migratorio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
7 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
9 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
13 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
13 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
14 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
16 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SAN GALLO
18 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
18 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
20 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
21 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile