Archivio Depositphotos (immagine illustrativa)
SVIZZERA
26.10.20 - 23:450

«Sono arrabbiata con chi non vuole vedere quello che sta succedendo»

Turni di dodici ore, quasi senza pause. E la struttura sanitaria sovraccarica. Ma c'è chi mette in dubbio la pandemia

Un medico d'urgenza zurighese affida a un post su Facebook la sua rabbia al termine di una giornata particolarmente impegnativa

Fonte 20 Minuten / Michelle Muff
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - «Oggi ero sul campo dalle 8 alle 20.56. La stragrande maggioranza dei casi era Covid. Persone giovani, di 23 anni, senza fiato». Sono le parole che S.M., una dottoressa attiva in un reparto d'urgenza di Zurigo, ha di recente affidato a Facebook. Un post, il suo, in cui racconta il turno lavorativo dello scorso sabato. «Noi medici d'urgenza corriamo come dei matti. Nel corso della giornata i pazienti in sala d'attesa diventano sempre di più».

E a causa della forte richiesta di consultazioni, il responsabile del servizio deve decidere chi fare aspettare. E anche dove mettere i pazienti che necessitano di un ricovero, in quanto i posti in terapia intensiva sono sempre meno. In tutto questo, non mancano le «molte, molte» consultazioni telefoniche. Insomma, assieme a tutti gli altri servizi nell'ambito della sanità, si sta dando veramente tutto per affrontare la pandemia. «Oggi è stato toccante vedere la dedizione con cui molte persone hanno svolto il proprio lavoro, nonostante la mancanza di personale».

«Comincio a non farcela più» - Dopo il lavoro, S.M. è rientrata a casa in bicicletta. E pedalando ha avuto tempo di pensare. Di pensare a quelle persone che mettono in dubbio l'esistenza del coronavirus o che per qualche motivo si rifiutano d'indossare la mascherina. «Sono veramente arrabbiata. Con tutte quelle persone che non vedono o che non vogliono vedere quello che sta succedendo. E che si comportano come se nulla fosse accaduto». Allo stesso tempo, S.M. lavora al limite delle sue energie: «Comincio a non farcela più» scrive ancora nel suo post.

Le sue parole non sono passate inosservate: nel giro di due giorni, il suo post è stato condiviso oltre 1'500 volte e commentato almeno 828 volte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera avrà il vaccino all'inizio del 2021, ma sarà per tutti?
Le risposte ai principali interrogativi sui prodotti che promettono di sconfiggere il coronavirus
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
Telelavoro obbligatorio? Gli imprenditori non ci stanno
Venerdì il Consiglio federale dovrebbe annunciare una stretta sui provvedimenti anti-coronavirus
SOLETTA
9 ore
«Forse l'aggressione poteva essere evitata»
Domenica un uomo ha ferito con un coltello una 14enne in un bosco situato alle porte di Olten.
SVIZZERA
15 ore
«Nessuna limitazione per le stazioni sciistiche»
Un gruppo di parlamentari di destra chiede di non limitare le capacità dei comprensori a livello federale.
SVIZZERA
17 ore
Nuove tendenze dell'auto: una venduta su tre è un'ibrida o un'elettrica
In Svizzera non era mai successo prima, il 62% degli svizzeri non esclude di comprarne una prima o poi
GINEVRA
18 ore
Uber, batosta ginevrina
Respinto il ricorso contro una decisione del Canton Ginevra. Gli autisti sono «da considerare dipendenti»
SVIZZERA
19 ore
Epfl: le studentesse denunciano aggressioni e sessismo
Una ventina di denunce raccolte dal movimento Polyquity. Il Politecnico federale: «Le prendiamo sul serio»
SVIZZERA
20 ore
Definitivamente affossata la Legge sulle pigioni commerciali
Il Consiglio degli Stati ha deciso per la non entrata in materia dopo che il Nazionale aveva già bocciato la Legge.
SVIZZERA
20 ore
5G: Swisscom preme per accelerare i tempi
Il responsabile finanze: «Siamo fiduciosi che nel primo trimestre del 2021 il Datec darà istruzioni ai Cantoni».
SVIZZERA
21 ore
“Come stai vivendo la pandemia?” Agli svizzeri piace condividere
Sono più di 460 i contributi caricati su corona-memory.ch. «Una testimonianza per la storia della Svizzera»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile