Foto lettore 20 Minuten
La coda per il tampone a Soletta.
SOLETTA
24.10.20 - 22:570
Aggiornamento : 25.10.20 - 08:00

Test del coronavirus: ospedale di Soletta preso d'assalto

«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone

Secondo il portavoce dell'ospedale, uno dei motivi è la possibilità di poter fare il test senza un preavviso

SOLETTA - Un'attesa interminabile: oltre tre ore di fila per poter fare il tampone per scoprire se si è positivi al coronavirus.

Il centro per i test del coronavirus dell'Ospedale di Soletta è stato oggi preso letteralmente d'assalto. Una testimone ha raccontato al portale 20 Minuten di aver fatto più di tre ore di coda: «la fila di persone si allungava sempre di più».

Le foto che provengono da Soletta sono effettivamente impressionanti. «La gente non riusciva a credere ai propri occhi quando vedeva la coda».

Comunque, la 20enne presente sul luogo ha confermato che le persone in attesa hanno sempre rispettato le direttive sanitarie: «le misure igieniche e le regole sulla distanza sociale sono state rispettate durante la coda» ha spiegato, probabilmente poiché essendo in dubbio sulla positività, «tutti erano consapevoli del rischio».

Poche alternative - Tra le persone in coda anche un 31enne di Rothrist, nel Canton Argovia, che non si spiega come sia possibile che non ci siano ospedali che facciano i test nel fine settimana nelle vicinanze: «Non ho proprio avuto possibilità di fare il tampone più vicino a casa».

L'uomo non capisce perché alcuni ospedali non offrano degli esami nel fine settimana: «Dovrebbero essere disponibili ovunque», soprattutto vista la situazione delicata.

«C'è molto da fare, in tutti i centri» - Il portavoce dell'Ospedale di Soletta, Hannes Triofini, ha dichiarato che il centro dei test dell'ospedale può fare circa duecento test per il Covid-19 nell'arco temporale di nove ore.

Se necessario è possibile anche aumentare il numero di corsie, e quindi la velocità dei tamponi, a seconda del volume, ma a tutto c'è un limite. 

Gli ospedali di Soletta hanno un totale di tre centri di prova, ha poi spiegato Triofini: «Al momento, c'è molto da fare ovunque, e sussiste la possibilità di fare il test senza preavviso: ecco perché è possibile che si creino code con numerose persone».

Foto lettore 20 Minuten
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 11 mesi fa su tio
Siamo in un paese del terzo mondo ????
Blobloblo 11 mesi fa su tio
La salute è solo un business!!! Non l’avete ancora capito??? Prima la salute??? Ahahaha!!! Non in questo mondo!!! Meditate gente!!!
pillola rossa 11 mesi fa su tio
Di idiozia si muore
Heinz 11 mesi fa su tio
Direi che la gestione svizzera di questa crisi è imbarazzante. La stanno gestendo meglio in Italia. Non dico altro.
spank77 11 mesi fa su tio
Ma basta... Basta con teorie su tamponi qui, tamponi su, falsi positivi, interessi politici... Numeri ingranditi... L unica certezza e che i reparti in cure intense si stanno sempre più riempendo, come pure i reparti in cure intermedie, a discapito di tutti, anche quelli non Covid in caso di emergenza. Quindi basta bla bla o spremersi le meningi a trovare spiegazioni. Piuttosto usate la forza neuronale a proporre soluzioni in caso si saturazione raggiunta. Fatti non parole. E non mi sembra che gli anni scorsi la situazione era così. Poco c entrano i numeri totali o di chi è sintomatico o non sintomatico. Il problema come detto già a marzo, aprile, giugno.. E lo stesso: collasso del sistema sanitario
TI.CH 11 mesi fa su tio
Adesso correte a fare il tampone perché avete una fifa blu ma in estate siete andati in vacanza alle movida ecc. fregandovi delle direttive emanate dimostrando egoismo - indisciplina e non rispetto verso gli altri. adesso vi C...... sotto
Moga 11 mesi fa su tio
C'è ancora troppa gente che crede che il tampone sia indicativo di qualcosa. Pecore ignoranti!
Tato50 11 mesi fa su tio
@Moga L'ha invitato tu ? Allora capisco perché non vale un tubo ;-))
Tato50 11 mesi fa su tio
@Moga "inventato"...............
Don Quijote 11 mesi fa su tio
Non faccio la fila per un panino figuriamoci per un tampone. Quante pecore, almeno si spiegano gli oltre 20'000 tamponi giornalieri, ed io che pensavo che la polizia ti veniva a prendere a casa e ti trascinava con la forza fino alla tamponeria!
sassiluca 11 mesi fa su tio
Ei ei ei che dopo aumentano i premi delle CM
Viperus 11 mesi fa su tio
Ecco cosa succede a continuare a terrorizzare la gente, non sanno più cosa fare e se la fanno sotto per niente. Sinceramente per me è povera gente che si è fatta rincitrullire dalla televisione.
Tenero72 11 mesi fa su tio
Mondo intero al collasso
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
8 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
10 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
10 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
12 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
13 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
14 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
16 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
17 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
17 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile