Keystone - foto d'archivio
BASILEA CITTÀ
24.10.20 - 08:060
Aggiornamento : 13:48

«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»

A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici

FFS: «Non possiamo rimuovere gli annunci che riguardano la stragrande maggioranza dei passeggeri».

BASILEA - C’è chi la indossa correttamente, chi la tiene sul mento, chi la tocca continuamente, chi la toglie per rispondere al telefono. Sui mezzi pubblici, da quando vige l’obbligo di indossare la mascherina, se ne vedono di tutti i colori. Ma c’è anche chi proprio non ce l’ha, né sul viso né sul gomito. Tra questi A.Z., che però è munita di un certificato medico. 

A causa di una grave forma di bronchite, la donna è stata esonerata dal dottore. Ma le cose non sono così semplici, come racconta lei stessa a 20 Minuten, quando va in giro. Se nei negozi, infatti, non riscontra alcun problema, quando sale sui mezzi pubblici non solo incassa gli sguardi contrariati della gente, ma a volte si becca anche degli insulti.

L’ultima volta sarebbe stata addirittura una signora anziana a inseguirla mentre scendeva dal bus: «Mi ha detto le peggiori cose - racconta la 58enne -. Nemmeno a me fa piacere andare in giro senza mascherina, ma non posso ogni volta incassare ogni tipo di insulto perché non mi è possibile indossarla. Cerco anche di stare più distante dagli altri, quando possibile».

Nella stessa situazione si troverebbe un’amica di A.Z., anche lei in possesso di un certificato medico. «Mi ha chiamata in piena crisi di nervi. Sul bus un uomo ha urlato che con la sua pistola avrebbe sparato a chiunque avrebbe trovato senza mascherina».

La società di trasporti locali di Basilea, dal canto suo, spiega che chi si sente “in pericolo” può rivolgersi al conducente. A.Z. è convinta che bisognerebbe evitare di trasmettere continuamente gli annunci in merito all’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici, per non discriminare persone come lei. «Si tratta di raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica» che riguardano la maggior parte dei passeggeri, fanno però notare dalle FFS. Discorso che riguarda anche AutoPostale. Spetta piuttosto alla donna, quando le vengono rivolti insulti e osservazioni, far valere il suo certificato medico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
1 ora
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
4 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
8 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
10 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
10 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
14 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
15 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
17 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile