Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
21.10.20 - 23:300
Aggiornamento : 23.10.20 - 10:12

«Chi è in quarantena deve poter fare delle passeggiate»

Avenir Suisse stima che negli ultimi mesi oltre 200.000 svizzeri siano stati costretti agli «arresti domiciliari».

Solo una piccola parte, però, è risultata positiva. Per questo motivo la richiesta di rivedere le regole di quarantena.

BERNA - Avenir Suisse chiede un adeguamento delle misure di quarantena svizzere. Secondo uno studio del think tank indipendente, il non poter lasciare le proprie quattro mura per dieci giorni non è «né appropriato, né necessario».

Per queste ragioni «il regime di quarantena dovrebbe essere riconsiderato», afferma Jürg Müller, coautore del rapporto. «Ad esempio, dovrebbero essere consentite passeggiate all'aria aperta, possibilmente con la condizione d'indossare una mascherina».

Essere messi agli "arresti domiciliari" per 10 giorni viene vista come «una massiccia violazione della libertà personale», sostiene Müller.

Oltre 200.000 persone sono state messe in quarantena - Anche se il Governo federale pubblica settimanalmente quante persone in Svizzera sono in quarantena a causa di un contatto a rischio, o di un viaggio in un'area a rischio, fino a ora non ci sono dati disponibili sul numero totale dei "quarantenati" svizzeri e su quanti di loro siano risultati effettivamente positivi.

Ecco perché Avenir Suisse ha effettuato una stima. Sulla base dei dati cantonali, Avenir Suisse arriva a ipotizzare 265.000-270.000 persone in quarantena dall'inizio della pandemia.

La quarantena spesso non mira a nulla - È stata esaminata anche la "precisione" delle misure di quarantena. Sulla base dei dati cantonali, i ricercatori ipotizzano che massimo un terzo delle circa 50.000 persone risultate positive tra la fine di giugno e il 19 ottobre fosse già in quarantena al momento del test.

Il think tank stima che meno dell'8% delle persone messe in quarantena dall'estate sia risultato positivo. Di conseguenza, circa 184.000 persone sarebbero rimaste "invano" chiuse dentro casa.

Per questo gli economisti concludono che è urgente e necessario un dibattito sul regime di quarantena. In primo luogo, dovrebbero essere raccolti dati affidabili. «È irritante che nessuna autorità in questo paese dichiari di sapere quante persone sono risultate positive durante la quarantena per essere tornati da zone a rischio», viene sottolineato.

In secondo luogo, le misure non sono sufficientemente «mirate». «La quarantena per i viaggi di ritorno deve essere radicalmente riconsiderata, in particolare alla luce degli ultimi sviluppi in Germania», viene quindi chiesto al Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
8 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
8 ore
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
10 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
13 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
14 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
14 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
15 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
16 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
17 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile