Archivio Keystone
ZURIGO
20.10.20 - 15:100

Il grido d'aiuto di bar e club zurighesi

Le attività si sentono minacciate dalle restrizioni imposte nella lotta contro il coronavirus

ZURIGO - I bar e i club di Zurigo si sentono minacciati da quella che considerano una «chiusura di fatto decretata ufficialmente» da Berna senza prevedere aiuti finanziari.

Per decisione del Consiglio federale - ricorda in una nota la commissione dei bar e club zurighesi (Bar & Club Kommission, BCK) - da oggi il consumo di cibi e bevande in ristoranti, bar e club è limitato alle persone sedute. Nel canton Zurigo vige inoltre da tempo il limite di 100 persone per locale o settore, come pure l'obbligo delle mascherine.

La commissione si dice consapevole della necessità di reagire all'aumento delle infezioni da Covid-19. Il problema è che le autorità «si sono astenute dal fare un annuncio chiaro». I club e i locali dove si fa musica possono rimanere aperti, ma la stragrande maggioranza non può coprire le spese in simili condizioni.

Nella pratica, i requisiti di protezione per le imprese della cultura notturna equivalgono a una «chiusura ufficialmente decretata», afferma nella nota il portavoce dell'organizzazione. Tuttavia, solo nel caso di una chiusura generalizzata le aziende possono far valere lo stato di necessità e negoziare ad esempio una riduzione del canone d'affitto.

La BCK spera a questo punto che la Confederazione discuta con i Cantoni per sostenere il settore. «Sarebbe l'unico modo per evitare il fallimento di aziende che di per sé sono sane», si legge nella nota.

L'organizzazione chiede fondi supplementari per compensare le aziende culturali e quindi anche i club musicali. Si tratterebbe di coprire l'80% delle perdite, invece dell'attuale 50%. Occorre inoltre trovare una soluzione per le aziende che non sono considerate imprese culturali e che quindi non hanno diritto al risarcimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
1 ora
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
1 ora
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
3 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
3 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
3 ore
Glencore, obietto emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
5 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
6 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
8 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
GRIGIONI
9 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile