keystone
BERNA
18.10.20 - 14:030
Aggiornamento : 17:28

Nuove misure, le associazioni di categoria non ci stanno

In attesa di una riunione d'emergenza del Consiglio federale, gli ambienti economici non risparmiano le critiche.

Il timore? Un calo sensibile delle vendite con conseguenti e pericolose perdite finanziarie.

BERNA - L'annunciato inasprimento delle norme utili a contrastare il Coronavirus sta destando preoccupazione per molte aziende svizzere. Secondo il Tagesageiser, il prossimo giovedì i rappresentanti delle imprese e i sindacalisti incontreranno il consigliere federale Guy Parmelin per una tavola rotonda. L'incontro servirà a valutare la situazione. E se l'intenzione di Parmelin pare voglia essere quella di convincere dell'utilità di questa nuova stretta, molti continueranno a non essere d'accordo.

Il direttore dell'influente Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM), Hans-Ulrich Bigler, è tra questi: «Per molte imprese le nuove misure significano ancora una volta gravi restrizioni. Le vendite crolleranno». E se Bigler non nega la necessità di proteggere la popolazione, il fatto che il Consiglio federale stia intervenendo con misure standard per tutta la Svizzera lo trova «incomprensibile». L'associazione di categoria si opporrà al requisito della mascherina nei negozi più piccoli. Perché lì la distanza richiesta può essere mantenuta senza problemi. «Ci difenderemmo anche dalle eventuali normative per gli uffici», afferma.

Il secondo blocco dovrebbe essere evitato - La critica dell'USAM riguarda le misure che il Consiglio federale intende adottare in una prossima riunione urgente che dovrebbe avere luogo oggi. È già trapelato venerdì che il ministro della Sanità Alain Berset chiederà l'uso della mascherina al chiuso e imporrà ulteriori restrizioni per gli eventi privati.

Secondo la “SonntagsBlick”, il governo federale dovrebbe orientarsi verso l'esempio del canton Ginevra. Tutto ciò, ovviamente, con l'intenzione di evitare un secondo blocco. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ecco le casse malati che restituiranno 300 milioni agli assicurati
Le due modalità scelte sono rimborsi effettivi o sconti sui premi.
GINEVRA
5 ore
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
5 ore
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
12 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
14 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
14 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
19 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
20 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
20 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
21 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile