keystone
BERNA
18.10.20 - 14:030
Aggiornamento : 17:28

Nuove misure, le associazioni di categoria non ci stanno

In attesa di una riunione d'emergenza del Consiglio federale, gli ambienti economici non risparmiano le critiche.

Il timore? Un calo sensibile delle vendite con conseguenti e pericolose perdite finanziarie.

BERNA - L'annunciato inasprimento delle norme utili a contrastare il Coronavirus sta destando preoccupazione per molte aziende svizzere. Secondo il Tagesageiser, il prossimo giovedì i rappresentanti delle imprese e i sindacalisti incontreranno il consigliere federale Guy Parmelin per una tavola rotonda. L'incontro servirà a valutare la situazione. E se l'intenzione di Parmelin pare voglia essere quella di convincere dell'utilità di questa nuova stretta, molti continueranno a non essere d'accordo.

Il direttore dell'influente Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM), Hans-Ulrich Bigler, è tra questi: «Per molte imprese le nuove misure significano ancora una volta gravi restrizioni. Le vendite crolleranno». E se Bigler non nega la necessità di proteggere la popolazione, il fatto che il Consiglio federale stia intervenendo con misure standard per tutta la Svizzera lo trova «incomprensibile». L'associazione di categoria si opporrà al requisito della mascherina nei negozi più piccoli. Perché lì la distanza richiesta può essere mantenuta senza problemi. «Ci difenderemmo anche dalle eventuali normative per gli uffici», afferma.

Il secondo blocco dovrebbe essere evitato - La critica dell'USAM riguarda le misure che il Consiglio federale intende adottare in una prossima riunione urgente che dovrebbe avere luogo oggi. È già trapelato venerdì che il ministro della Sanità Alain Berset chiederà l'uso della mascherina al chiuso e imporrà ulteriori restrizioni per gli eventi privati.

Secondo la “SonntagsBlick”, il governo federale dovrebbe orientarsi verso l'esempio del canton Ginevra. Tutto ciò, ovviamente, con l'intenzione di evitare un secondo blocco. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
19 min
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
1 ora
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
SVIZZERA
1 ora
Sunrise-UPC: svelati i nomi della nuova direzione
Sono figure di entrambe le aziende originarie: «Ora possiamo contare su una squadra eccezionale».
SVIZZERA
2 ore
Dieci persone, ma da due nuclei familiari al massimo
Sarebbe, secondo indiscrezioni, una delle misure che il Consiglio federale annuncerà oggi
ZURIGO
9 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
12 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
17 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
17 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
17 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
18 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile