tipress
BERNA
17.10.20 - 10:590

«Si agisca subito contro la seconda ondata!»

È la richiesta inoltrata alla Confederazione da tre organizzazioni di medicina d'urgenza e di salvataggio.

Ogni indugio, viene sottolineato, è «assolutamente incomprensibile» dal punto di vista medico.

BERNA - Tre organizzazioni di medicina d'urgenza e di salvataggio chiedono alla Confederazione e ai Cantoni di adottare «misure coordinate e immediate per contenere la seconda ondata» di coronavirus. Ogni indugio è «assolutamente incomprensibile» dal punto di vista medico, sottolineano.

La Società svizzera di medicina d'urgenza e di salvataggio (SGNOR), “Notfallpflege Schweiz” (l'associazione svizzera delle cure d'urgenza) e l'Associazione svizzera soccorritori (ASA) osservano «con la massima preoccupazione gli sforzi scoordinati e talvolta esitanti della politica e dei suoi consulenti per combattere la pandemia di COVID-19 in Svizzera», si legge in una nota congiunta pubblicata oggi.

Il ritardo nelle misure urgentemente necessarie per il contenimento della seconda ondata è assolutamente incomprensibile dal punto di vista della medicina d'urgenza. L'attuale balzo improvviso dei test positivi e il numero crescente di ricoveri ospedalieri sono scenari da cui le tre organizzazioni mettono in guardia da tempo.

I reparti di pronto soccorso e i servizi di salvataggio in Svizzera sono in servizio ininterrottamente dall'inizio dell'anno e allo stesso tempo gestiscono centri per i test nella maggior parte delle località. Nella nota, le organizzazioni precisano che la «politica poco mirata della Confederazione e dei Cantoni metterà a dura prova fisicamente e psicologicamente il già stremato personale dei reparti di pronto soccorso»: bisogna impedire «che il nostro personale vada incontro a completo esaurimento».

Un appello ad intervenire viene anche dal responsabile dell'unità di terapia intensiva presso gli ospedali universitari di Ginevra (HUG), Jérôme Pugin. In un'intervista pubblicata oggi dalla Tribune de Genève, il medico sottolinea come l'unica misura efficace per bloccare il picco della seconda ondata di coronavirus sia quella del confinamento. Il nuovo lockdown dovrebbe essere rigoroso ma breve.

«Non siamo ancora andati abbastanza lontano nelle misure restrittive che permetterebbero di tagliare un'onda di questa portata», aggiunge Pugin. Bisogna tuttavia fare in fretta: «se decidiamo oggi, vedremo gli effetti tra tre settimane...». Ciò che accadrà dipenderà dalle decisioni politiche.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RV50 4 mesi fa su tio
Ma come quando in Ticino si lottava contro la diffusione del virus i nostri "connazionali" d'otre Gottardo ci additavano come dei provocatori e il nostro governo ha dovuto lottare contro corrente e ben si é comportato ; aiutando a superare quello che per i nostri connazionali era solo una semplice influenza ; ora che tocca a loro apriti cielo .... che son venuti nel nostro cantone a sbeffeggiarci perché indossavamo le mascherine erano loro e adesso che lo tengano stretto questo virus e restino a casa come abbiamo dovuto fare noi ultrasessantenni forse in futuro ragioneranno con la testa e non con il c...o.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Tenete il surf a portata
seo56 4 mesi fa su tio
Politici irresponsabili
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / MONDO
1 min
L'1% dei più ricchi: quanto serve per entrarci?
Entrare nel "club" dei più ricchi del proprio paese non è mai facile, ma è particolarmente complicato a Monaco
SVIZZERA
19 min
In Svizzera i single fanno il 36% delle economie domestiche
È quanto si evince dai dati dell'Ufficio federale di statistica. Dal 1970, il numero è triplicato
SVIZZERA
1 ora
Il sangue c'è, nonostante la pandemia
Positivo il bilancio 2020 di Trasfusione CRS Svizzera. Ma i donatori erano limitati nella loro mobilità
ZUGO
1 ora
Test salivari obbligatori nelle scuole secondarie
Allievi e docenti di medie e licei dovranno sottoporsi al test due volte alla settimana.
BERNA 
2 ore
Nominata la nuova segretaria di Stato della migrazione
Si tratta di Christine Schraner Burgener, attuale inviata speciale dell'Onu per il Myanmar.
BERNA
16 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
18 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
18 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
18 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
19 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile