Archivio Keystone
SVIZZERA
16.10.20 - 06:000

Imprese responsabili e materiale bellico: verso un doppio “sì”

Entrambe le iniziative vengono sostenute soprattutto dalle donne, come emerge da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia

Al primo rilevamento hanno preso parte oltre 13'500 persone da tutta la Svizzera

BERNA - Sono due gli oggetti federali su cui saremo chiamati a esprimerci il prossimo 29 novembre: l'iniziativa popolare «Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente» e quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico». E dalle urne potrebbero scaturire due “sì”, come emerge dal primo sondaggio di 20 minuti e Tamedia, che dal 12 al 13 ottobre 2020 ha visto la partecipazione di oltre 13'500 persone da tutta la Svizzera.

Imprese responsabili: «Priorità a clima e diritti» - Quando manca poco più di un mese all'appuntamento alle urne, l'iniziativa «Per imprese responsabili» trova il consenso del 57% dei cittadini. I contrari sono al 41%, mentre solo il 2% non fornisce alcuna indicazione. Secondo la maggior parte dei sostenitori l'obiettivo di fare profitti non deve prevalere sul rispetto dell'ambiente e dei diritti umani.  I contrari temono invece un'ondata di denunce contro imprese elvetiche e ritengono che non sia possibile tenere sotto controllo le complesse catene di produzione all'estero.

Per quanto riguarda questa iniziativa, il voto è fortemente polarizzato: a sinistra il consenso raggiunge infatti il 96% tra i Verdi e il 91% tra i socialisti. E scende al 23% degli elettori PLR e al 28% di quelli UDC. Secondo i politologi, saranno decisivi i voti del centro: attualmente tra i Verdi liberali i sostenitori sono al 76%, mentre i PPD sono spaccati in due (il 49% intende votare “sì”).

Materiale bellico e neutralità? - Anche per l'iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico” i “sì” sono attualmente in vantaggio, sebbene con un margine inferiore: si parla infatti del 52% dei cittadini favorevoli alla proposta (i contrari sono al 45%, gli indecisi al 3%). Per i sostenitori dell'iniziativa - che si situano soprattutto tra gli elettori della sinistra - è principalmente una questione di neutralità: tali finanziamenti non si concilierebbero con la neutralità elvetica. Per i contrari, invece, l'iniziativa non avrebbe nessun effetto sulla domanda e l'offerta mondiale di materiale bellico.

Due iniziative al femminile - Entrambe le iniziative trovano sostegno soprattutto tra le donne: quella “Per imprese responsabili” ottiene il consenso del 66% delle cittadine, mentre quella sul materiale bellico arriva al 62%. Tra gli uomini la percentuale di favorevoli è più bassa (rispettivamente si parla del 48% e del 40%).

Il sondaggio

Sono 13'585 le persone da tutta la Svizzera che dal 12 al 13 ottobre hanno preso parte al primo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 29 novembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,4%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
10 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
12 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
14 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
16 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
16 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
16 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
17 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
18 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
19 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile