Archivio Keystone
SVIZZERA
16.10.20 - 06:000

Imprese responsabili e materiale bellico: verso un doppio “sì”

Entrambe le iniziative vengono sostenute soprattutto dalle donne, come emerge da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia

Al primo rilevamento hanno preso parte oltre 13'500 persone da tutta la Svizzera

BERNA - Sono due gli oggetti federali su cui saremo chiamati a esprimerci il prossimo 29 novembre: l'iniziativa popolare «Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente» e quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico». E dalle urne potrebbero scaturire due “sì”, come emerge dal primo sondaggio di 20 minuti e Tamedia, che dal 12 al 13 ottobre 2020 ha visto la partecipazione di oltre 13'500 persone da tutta la Svizzera.

Imprese responsabili: «Priorità a clima e diritti» - Quando manca poco più di un mese all'appuntamento alle urne, l'iniziativa «Per imprese responsabili» trova il consenso del 57% dei cittadini. I contrari sono al 41%, mentre solo il 2% non fornisce alcuna indicazione. Secondo la maggior parte dei sostenitori l'obiettivo di fare profitti non deve prevalere sul rispetto dell'ambiente e dei diritti umani.  I contrari temono invece un'ondata di denunce contro imprese elvetiche e ritengono che non sia possibile tenere sotto controllo le complesse catene di produzione all'estero.

Per quanto riguarda questa iniziativa, il voto è fortemente polarizzato: a sinistra il consenso raggiunge infatti il 96% tra i Verdi e il 91% tra i socialisti. E scende al 23% degli elettori PLR e al 28% di quelli UDC. Secondo i politologi, saranno decisivi i voti del centro: attualmente tra i Verdi liberali i sostenitori sono al 76%, mentre i PPD sono spaccati in due (il 49% intende votare “sì”).

Materiale bellico e neutralità? - Anche per l'iniziativa “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico” i “sì” sono attualmente in vantaggio, sebbene con un margine inferiore: si parla infatti del 52% dei cittadini favorevoli alla proposta (i contrari sono al 45%, gli indecisi al 3%). Per i sostenitori dell'iniziativa - che si situano soprattutto tra gli elettori della sinistra - è principalmente una questione di neutralità: tali finanziamenti non si concilierebbero con la neutralità elvetica. Per i contrari, invece, l'iniziativa non avrebbe nessun effetto sulla domanda e l'offerta mondiale di materiale bellico.

Due iniziative al femminile - Entrambe le iniziative trovano sostegno soprattutto tra le donne: quella “Per imprese responsabili” ottiene il consenso del 66% delle cittadine, mentre quella sul materiale bellico arriva al 62%. Tra gli uomini la percentuale di favorevoli è più bassa (rispettivamente si parla del 48% e del 40%).

Il sondaggio

Sono 13'585 le persone da tutta la Svizzera che dal 12 al 13 ottobre hanno preso parte al primo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 29 novembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,4%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
33 min
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
2 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
4 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
5 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
5 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
5 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
6 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
8 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
SVIZZERA / AUSTRIA
9 ore
Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza
Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile