Keystone
SVIZZERA
14.10.20 - 09:560
Aggiornamento : 11:58

L'esercito impone il divieto di congedo alle reclute

Sino a fine di ottobre, termine della scuola reclute, nessuno rientrerà a casa. Scopo: proteggere i militi dai contagi.

«Nell'esercito le persone sono protette meglio rispetto all'esterno», sottolinea il portavoce Daniel Reist.

BERNA - Le reclute non potranno più tornare a casa, ma dovranno rimanere in caserma fino alla fine di ottobre quando per circa 10mila militari si concluderà il periodo di scuola reclute. Nessun congedo sarà concesso, nemmeno durante i weekend. «Questa mattina le reclute sono state informate dai loro superiori. La quarantena è valida fino alla fine di ottobre», ha confermato al Blick il portavoce dell'esercito Daniel Reist. I corsi di ripetizione non sono invece interessati dal provvedimento.

Il motivo di questa misura è il forte aumento delle infezioni da coronavirus in Svizzera. «Vogliamo proteggere le reclute dai contagi e nell'esercito sono meglio protette rispetto all'esterno», ha aggiunto Reist, precisando che attualmente in grigioverde ci sono 24 casi.

La misura - di cui verranno fornite maggiori informazioni in giornata - non ha evidentemente fatto la felicità dei militi, rileva ancora il quotidiano svizzero-tedesco. Anche perché il distanziamento sociale non viene quasi mai rispettato nelle caserme. Durante le esercitazioni, ma nemmeno mentre si dorme: «Alcuni dormono a 30 centimetri di distanza», viene sottolineato. E anche disinfettante e mascherine sarebbero quasi sempre assenti.

L'esercito nega con veemenza queste accuse. «Ci sono sufficienti disinfettanti, mascherine e guanti. Basta solamente richiederli», dice ancora il portavoce. 

«Una misura a favore della salute di militi»
«L'esercito aumenta la protezione delle sue truppe a favore della loro salute».  In un comunicato stampa, trasmesso in tarda mattinata, l'Aggruppamento Difesa fornisce qualche chiarimento supplementare sulla decisione di annullare il congedo generale delle reclute nei fine settimana. «La gran parte delle scuole reclute sta attualmente svolgendo la sedicesima settimana delle diciotto totali». Si chiede dunque un sacrificio ai circa diecimila militari coinvolti: «Con questa misura preventiva è possibile fornire un contributo affinché le scuole reclute si concludano regolarmente e tutti i militari possano essere licenziati in buone condizioni di salute». Le misure di protezione contro il coronavirus si qui adottate permetteranno, secondo la nota stampa, di portare a termine l'istruzione secondo la regolare pianificazione.

 

 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
1 ora
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
3 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
3 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
SVIZZERA
4 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
ZERMATT
5 ore
Precipita in montagna, muore un 17enne
Il giovane stava aggiustando gli attacchi dei suoi ramponi, quando ha perso l'equilibrio ed è caduto nel vuoto.
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
È ora di passare a un Consiglio federale con nove membri?
In questo modo sarebbe possibile includere adeguatamente nel Governo tutte le forze politiche
SVIZZERA
9 ore
La campagna vaccinale ha messo il turbo
Quasi 270'000 le dosi inoculate la scorsa settimana. Questo equivale a un +74% rispetto ai sette giorni precedenti.
SVIZZERA
9 ore
Altri 2'205 casi in Svizzera, i decessi sono 4
Scende il tasso di positività, oggi a quota 6,8%, mentre sono 85 le nuove ospedalizzazioni.
VALLESE
11 ore
Sprofonda nel crepaccio e muore sotto gli occhi del figlio
La tragedia è avvenuta ieri mattina sul ghiacciaio di Fee, sopra a Saas-Fee.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile