Keystone
SVIZZERA
14.10.20 - 09:560
Aggiornamento : 11:58

L'esercito impone il divieto di congedo alle reclute

Sino a fine di ottobre, termine della scuola reclute, nessuno rientrerà a casa. Scopo: proteggere i militi dai contagi.

«Nell'esercito le persone sono protette meglio rispetto all'esterno», sottolinea il portavoce Daniel Reist.

BERNA - Le reclute non potranno più tornare a casa, ma dovranno rimanere in caserma fino alla fine di ottobre quando per circa 10mila militari si concluderà il periodo di scuola reclute. Nessun congedo sarà concesso, nemmeno durante i weekend. «Questa mattina le reclute sono state informate dai loro superiori. La quarantena è valida fino alla fine di ottobre», ha confermato al Blick il portavoce dell'esercito Daniel Reist. I corsi di ripetizione non sono invece interessati dal provvedimento.

Il motivo di questa misura è il forte aumento delle infezioni da coronavirus in Svizzera. «Vogliamo proteggere le reclute dai contagi e nell'esercito sono meglio protette rispetto all'esterno», ha aggiunto Reist, precisando che attualmente in grigioverde ci sono 24 casi.

La misura - di cui verranno fornite maggiori informazioni in giornata - non ha evidentemente fatto la felicità dei militi, rileva ancora il quotidiano svizzero-tedesco. Anche perché il distanziamento sociale non viene quasi mai rispettato nelle caserme. Durante le esercitazioni, ma nemmeno mentre si dorme: «Alcuni dormono a 30 centimetri di distanza», viene sottolineato. E anche disinfettante e mascherine sarebbero quasi sempre assenti.

L'esercito nega con veemenza queste accuse. «Ci sono sufficienti disinfettanti, mascherine e guanti. Basta solamente richiederli», dice ancora il portavoce. 

«Una misura a favore della salute di militi»
«L'esercito aumenta la protezione delle sue truppe a favore della loro salute».  In un comunicato stampa, trasmesso in tarda mattinata, l'Aggruppamento Difesa fornisce qualche chiarimento supplementare sulla decisione di annullare il congedo generale delle reclute nei fine settimana. «La gran parte delle scuole reclute sta attualmente svolgendo la sedicesima settimana delle diciotto totali». Si chiede dunque un sacrificio ai circa diecimila militari coinvolti: «Con questa misura preventiva è possibile fornire un contributo affinché le scuole reclute si concludano regolarmente e tutti i militari possano essere licenziati in buone condizioni di salute». Le misure di protezione contro il coronavirus si qui adottate permetteranno, secondo la nota stampa, di portare a termine l'istruzione secondo la regolare pianificazione.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
7 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
13 ore
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
ZURIGO
14 ore
Lite con coltello: due feriti e quattro arresti
È successo nelle prime ore di domenica alla stazione ferroviaria di Zurigo Stadelhofen
LUCERNA
15 ore
«Sembra che si vogliano far morire le persone anziane»
Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19
VAUD
18 ore
Mortale a Bullet: la vittima è un 16enne
Il ragazzo stava guidando la sua moto con il fratello minore di 14 anni. Aperta un'inchiesta sulla dinamica
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
1 gior
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
1 gior
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
SVIZZERA
1 gior
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile