Keystone
SVIZZERA
14.10.20 - 09:560
Aggiornamento : 11:58

L'esercito impone il divieto di congedo alle reclute

Sino a fine di ottobre, termine della scuola reclute, nessuno rientrerà a casa. Scopo: proteggere i militi dai contagi.

«Nell'esercito le persone sono protette meglio rispetto all'esterno», sottolinea il portavoce Daniel Reist.

BERNA - Le reclute non potranno più tornare a casa, ma dovranno rimanere in caserma fino alla fine di ottobre quando per circa 10mila militari si concluderà il periodo di scuola reclute. Nessun congedo sarà concesso, nemmeno durante i weekend. «Questa mattina le reclute sono state informate dai loro superiori. La quarantena è valida fino alla fine di ottobre», ha confermato al Blick il portavoce dell'esercito Daniel Reist. I corsi di ripetizione non sono invece interessati dal provvedimento.

Il motivo di questa misura è il forte aumento delle infezioni da coronavirus in Svizzera. «Vogliamo proteggere le reclute dai contagi e nell'esercito sono meglio protette rispetto all'esterno», ha aggiunto Reist, precisando che attualmente in grigioverde ci sono 24 casi.

La misura - di cui verranno fornite maggiori informazioni in giornata - non ha evidentemente fatto la felicità dei militi, rileva ancora il quotidiano svizzero-tedesco. Anche perché il distanziamento sociale non viene quasi mai rispettato nelle caserme. Durante le esercitazioni, ma nemmeno mentre si dorme: «Alcuni dormono a 30 centimetri di distanza», viene sottolineato. E anche disinfettante e mascherine sarebbero quasi sempre assenti.

L'esercito nega con veemenza queste accuse. «Ci sono sufficienti disinfettanti, mascherine e guanti. Basta solamente richiederli», dice ancora il portavoce. 

«Una misura a favore della salute di militi»
«L'esercito aumenta la protezione delle sue truppe a favore della loro salute».  In un comunicato stampa, trasmesso in tarda mattinata, l'Aggruppamento Difesa fornisce qualche chiarimento supplementare sulla decisione di annullare il congedo generale delle reclute nei fine settimana. «La gran parte delle scuole reclute sta attualmente svolgendo la sedicesima settimana delle diciotto totali». Si chiede dunque un sacrificio ai circa diecimila militari coinvolti: «Con questa misura preventiva è possibile fornire un contributo affinché le scuole reclute si concludano regolarmente e tutti i militari possano essere licenziati in buone condizioni di salute». Le misure di protezione contro il coronavirus si qui adottate permetteranno, secondo la nota stampa, di portare a termine l'istruzione secondo la regolare pianificazione.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BASILEA CITTÀ
3 ore
"Basilea senza nazisti", oltre 3'000 persone hanno sfilato per la città
Autorizzata delle autorità nonostante le norme anti-Covid, il corteo ha attirato parecchi manifestanti.
SVIZZERA
7 ore
Con l'inverno meteorologico arrivano anche i primi fiocchi
Martedì è attesa una prima spolverata di neve, in alcune zone anche a basse quote.
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Rapina in un ufficio postale, si cerca una coppia di rapinatori
L'auto usata per la fuga, rubata poco prima, è stata data alle fiamme
SVIZZERA
10 ore
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il partito punta a conquistare elettori, uscendo da una connotazione troppo cattolica. Sì anche alla fusione con il PBD
SVIZZERA
10 ore
«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»
Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione
SVIZZERA
11 ore
La sicurezza del vaccino? Non è negoziabile
La Svizzera, assicura Nora Kronig, non scenderà a compromessi
SVIZZERA
12 ore
L'edizione 2021 del Forum economico mondiale è in forse
Klaus Schwab spiega che la manifestazione avrà luogo solo in condizioni di assoluta sicurezza
SVIZZERA
13 ore
È morta la donna più anziana della Svizzera
«Se mia madre sapesse che sono diventata così vecchia...», affermava la vegliarda in un libro a lei dedicato
SVIZZERA
14 ore
Scuole reclute da record nel 2021
«Sarà la più grande della storia recente» spiega il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli
SVIZZERA
15 ore
PPD, oggi si decide su nuovo nome e fusione con il PBD
L'assemblea dei delegati si svolge in modo decentrato a causa della pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile